Recensione: Forse una storia d’amore, di Martin Page

Forse una storia d'amore

Forse una storia d’amore

 

 

“Ho appena avuto un incidente”, disse Virgile.

“Ah! Che tipo di incidente?”

“Un incidente con la realtà.”

Virgile. Trent’anni, parigino, pubblicitario. Abituato da sempre a vivere una vita solitaria, umanamente misera, fatta di squallore autoindotto. Fino a quando la sua noiosa routine viene spezzata da un messaggio lasciato nella segreteria telefonica: è Clara, lo informa che la loro relazione non può continuare, è finita. E lì, in quel preciso istante, arriva per Virgile l’incidente con la realtà:

 La separazione è paragonabile a un attentato meticolosamente elaborato, perché la bomba è piazzata nel nostro cuore: impossibile sfuggire alla violenza della deflagrazione.

Ma in questo caso, Virgile apprendeva di essere stato lasciato da una donna che non conosceva e con la quale, conseguentemente, non aveva avuto alcuna relazione. Subiva lo shock di essere respinto e al contempo stesso si rendeva conto dell’irrealtà della cosa.

 

Nulla potrebbe scuotere maggiormente la vita di Virgile che ritrovarsi a dover far i conti con il fantasma di una donna che per lui non è mai esistita. Chi è davvero Clara? Come fa a conoscerlo? Quando si sono incontrati? Quando hanno iniziato a frequentarsi… ma soprattutto: perché non si ricorda di lei?

Tra boulevard parigini, visite dallo psicanalista, test medici e tentativi raffazzonati di investigazione, Virgile coinvolgerà appieno il lettore nella sua vita così insulsa quanto realistica, così sarcastica quanto surreale.

Forse una storia d’amore, opera del francese Martin Page (già conosciuto al pubblico italiano per Come sono diventato stupido), vi  farà sorridere con il suo protagonista,  vi farà interrogare sul mondo grazie alle sue frasi profonde ma soprattutto vi farà riflettere, tanto, su ciò che è, ciò che potrebbe essere e ciò che sarà.

Autore: Martin Page

Titolo: Forse una storia d'amore

Titolo originale: Peut-être une histoire d'amour

Traduttore: Giulio Lupieri

Pagine: 157

Casa editrice: Garzanti

Prezzo: 14,60 euro

Inserito in: In libreria, Recensioni
Roberta Taverna

Articolo inserito da:

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

Inserisci un commento