Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells

La straordinaria bilocazione di Lily Bells

“Chi sosta non conquista”. Questa la frase ricorrente, il mantra che scandisce la vita frenetica della stravagante Lily Bells,  una vivace quarantenne single amante delle mise eccentriche in stile sadomaso, adoratrice di gatti e di attese in contemplazione dello svolgimento della vita dei vicini (piuttosto particolari come lei), organizzatrice di party per presenze invisibili, convinta di possedere il potere della bilocazione, che le permette di esternare le sue “eccentricità” in più luoghi contemporaneamente, così come legge nel libro che le fa compagnia la sera.

Libera, leggera, ironica, visionaria, la vicina che tutti dovrebbero meritarsi, insomma. La sua personalità spumeggiante è decorazione intorno a un’anima positiva: con un amore per gli altri quasi smisurato, Lily appartiene a quel tutto che le riempie la mente di fermento e di pensieri che non si arrestano mai. Vola con la mente tra le pagine dei libri, vola con la fantasia tra Spagna e Messico, vola e non si cura di atterrare, o dell’opinione che gli altri potrebbero avere di lei.

Lily scivola sulle parole e gli sguardi con una leggerezza che somiglia alla libertà, mai scalfita neanche dall’unico innamoramento giovane capitatole e poi svanito.

Le Straordinarie Bilocazioni di Lily Bells (L’Iguana editrice) non è soltanto un libro ma un’esperienza sensoriale, capace di emettere luci, suoni e odori attraverso la voce svelta e l’elegante costruzione delle abili mani da ricamatrice di parole della sua autrice, Valentina Ferri. Si sentono così il profumo buono dei biscotti e del tè e delle colazioni per amici partoriti dalla fantasia indaffarata; si vedono colori e chiarori abbaglianti nelle descrizioni di quel micromondo che le ruota intorno composto da personaggi come Little Raphael, che nella vita è impegnato a ritirare contenitori di rifiuti muovendosi in numeri da equilibrista come fosse ancora il nano del circo portoghese di un tempo. Si vedono tutti gli angolini nascosti, e i baffetti da volpe di Mr Harry Fox, o le fattezze panterate della signorina Cloe, le setole di pelo duro da maialino di Mrs Oinky.

E in questo dedalo di incredibili fenomeni da vicinato, tra un movimento di tenda e un altro, agile, per chiudere una liseuse a proteggersi dallo spiare in una notte pungente, ecco Mr Jude e sua sorella Madeleine Hawk che proprio non la contano giusta. C’è un movimento strambo, e con il ritrovamento di un cadavere in un pozzo si scheggerà lo schema eccentrico delle giornate della bella Lily, che si troverà in trappola per avere allungato troppo gli occhi su fatti troppo avvolti nel mistero.

Un palazzo antico a fare da gabbia, un cumulo di esperienze comprese di attrezzi impensabili da tenere in borsa, per comuni mortali, che torneranno utili, forze e risorse inaspettate che faranno desiderare quella possibilità di volare leggeri sulle cose della vita, come non sempre accade, ma che a Lily Bells, come potete immaginare, accade eccome.

Autore: Valentina Ferri

Titolo: Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells

Pagine: 126

Casa editrice: L'Iguana editrice

Prezzo: 14,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Stefania Castella

Articolo inserito da:

Mi chiamo Stefania e sono nata a Napoli da padre con occhi trasparenti e madre con lunghissimi capelli biondi e gonnellone hippy. Non so perché ve lo dico, solo perché tutti scriviamo dove nasciamo e nessuno da chi. Sono grafica pubblicitaria e soprattutto mamma a tempo pieno e indeterminato. Scrivo da quando ho imparato, leggo da sempre e ascolto da molto di più. Mi piace leggere e raccontare storie, dare voce. Scrivere è la mia esigenza, la mia necessità. Mi piace raccontare ciò che ho letto cercando di trasmettere l'emozione che ho provato, lasciandovi entrare nel viaggio che ogni scrittore regala. Se questo si chiama recensire, allora recensisco. Cosa fa su MeLoLeggo? Quello che amo fare: immergermi in una storia di carta, con rispetto e onestà, affiancandomi con voi alle pagine e percorrendo lo stesso bellissimo sogno. Ogni scrittore partorisce le sue creature con amore e fatica, quello che possiamo fare è raccogliere la sua storia. Se una storia non piace non si può stroncarla, solo evitare di raccoglierla, no?

Inserisci un commento