Distanze, di Ben Simon

Distanze

Distanze

Gioco di parole, Distanze, vuoti da riempire, di parole, di pensieri. Pagine bianche di piccole macchioline scure figlie di poeta. C’è un senso di intimità nella poesia che pare spesso un abbraccio di amanti, tra chi prova e lascia e chi prova ricevendo, in mezzo noi, passanti accorti o distratti ma passanti, tra sprazzi di sentimenti che aggiungono ricchezza all’anima.

Ben Simon scrive con uno pseudonimo, celandosi dietro la prima raccolta di poesie inedite, non comuni poesie, piuttosto brevità, piccolo lasso di tempo, scarno tempo, che oggi non si ha per nulla, specialmente per i sentimenti. Qui spazio per i sentimenti ce n’è, col tempo di oggi, tempo al tempo, brevissimo di battere e levare musicale, spazio di una nota, devi avere orecchio teso e predisposto per riconoscerla e incarnarla in una melodia, e il cuore predisposto per stringere senza ridimensionare. Grande qualità la sintesi anche amorosa, non toglie spazio al cuore, racconta tutto senza dimenticare nulla. Di modernissimi Hashtag, premesse e continuo finire, collegamento, etichetta, da comunicazione nell’era moderna. Si parla al cuore con le parole contate e devono bastare per entrare in un tweet, cinguettio universale che lega col mondo, in un sms, rapido impulso dal pensiero alla mano.  Estrema attualità il concetto che centra il bersaglio c’entra con noi, centra lo spazio, centra lo scopo, arriva al profondo, c’è tutto, la commozione, la consolazione, la descrizione amorosa, la solitudine. Sottofondo di malinconia che nulla invidia a ben più lunghe rime di altri poeti. Scrittura anomala per non anomali sentimenti, questi, oltrepassano il tempo, puoi cambiare il verbo, il modo di raccontarli, ma resteranno eterni. In giro con noi in valigie in cui li rinchiuderemo perché occupati da altro, stampati sotto pelle. Ci rassomigliano questi versi, mai distratti. Attenzione alle parole, questo conta, attenzione ai moti dell’anima descritti in un battito veloce di ciglia. Il breve tempo di un pensiero, spedito, fugace, leggero bacio, come lacrima improvvisa. Non mi dilungherò ulteriormente cercando quell’invisibile necessario, che gli occhi non distinguono. “Con un filo di parole voglio legarti a me così non potrai più farne a meno. E correrai tra virgole e due punti a prenderle dalle mie labbra”.

Distanze, di Ben Simon (Marco Saya Editore)

Autore: Ben Simon

Titolo: Distanze

Pagine: 160

Casa editrice: Marco Saya

Prezzo: 10,20 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Stefania Castella

Articolo inserito da:

Mi chiamo Stefania e sono nata a Napoli da padre con occhi trasparenti e madre con lunghissimi capelli biondi e gonnellone hippy. Non so perché ve lo dico, solo perché tutti scriviamo dove nasciamo e nessuno da chi. Sono grafica pubblicitaria e soprattutto mamma a tempo pieno e indeterminato. Scrivo da quando ho imparato, leggo da sempre e ascolto da molto di più. Mi piace leggere e raccontare storie, dare voce. Scrivere è la mia esigenza, la mia necessità. Mi piace raccontare ciò che ho letto cercando di trasmettere l'emozione che ho provato, lasciandovi entrare nel viaggio che ogni scrittore regala. Se questo si chiama recensire, allora recensisco. Cosa fa su MeLoLeggo? Quello che amo fare: immergermi in una storia di carta, con rispetto e onestà, affiancandomi con voi alle pagine e percorrendo lo stesso bellissimo sogno. Ogni scrittore partorisce le sue creature con amore e fatica, quello che possiamo fare è raccogliere la sua storia. Se una storia non piace non si può stroncarla, solo evitare di raccoglierla, no?

Inserisci un commento