By martedì 19 Maggio 2020 0 Comments Read More →

Caffè Voltaire, di Laura Campiglio

Quella condizione così precaria da diventare unica, imperturbabile certezza. Quella sicumera che certi mestieri e mestieranti sanno già di propinare a ignare barcollanti vittime ferme dall’altra parte ad ascoltare, occhi al cielo, ben consce di un futuro in continuo modernissimo sempiterno Loop.

Caffè Voltaire

Caffè Voltaire

“Un universo che ci appartiene così vividamente…”, ecco quello che penseranno i lettori di Caffè Voltaire (Mondadori, firmato da Laura Campiglio), del mondo in cui si muove Anna Naldini, otto collaborazioni senza certezza, che diventano sette nel giorno del fatidico compleanno, quello che segna il mezzo del cammino di nostra, e di sua, vita. La seguiremo mentre cerca di tenere la testa in alto per non affogare. Lei in quell’età che arriva tra capo e collo, spesso dimensione in cui, per regola non scritta ma incisa a caratteri di fuoco dentro ognuno, dovrebbe avviarsi una certa nitida chiarezza sul futuro, e invece…le uniche certezze per la Naldini sono la scelta suo del nome, nato dalla passione della madre per i palindromi, qualche amicizia fidata e l’affidabilità di Siri, che nel momento del bisogno sa contattare al volo il prefe, ovvero il nonno dal consiglio da Grillo Parlante,  attraverso il quale però anche un rimprovero sembra quasi un abbraccio riparatore.

Un universo milanese da centro di gravità permanentemente occupato da attivissimi progetti – «Eppure nessuno di voi fa l’architetto», conferma saggiamente il nonno, le cui pennellate sanno sempre essere efficaci. Eppure questa generazione di progettisti a qualcosa ha bisogno di attaccarsi per non cedere alla disillusione e c’è un fondo di ottimismo nella Naldini che, licenziata da La locomotiva, quotidiano che più a sinistra non si può, incomincia una clandestina relazione con I Probi Viri, quotidiano che più a destra non si può. Una divisione in brevi sillabe che messe insieme divorerà lo spazio che Anna, inconsciamente scaltra, ha da dedicare a entrambi, dimostrando prima a se stessa e poi al mondo quanto in politica (e forse anche altrove) si possa dire tutto e il contrario di tutto.

L’opera vivace e guizzante è perfetta nei suoi spaccati e nel cammino gustoso di questa campagna elettorale in cui la bionda longilinea Anna, non troppo bella né troppo brutta, affronterà una serie di situazioni che ci faranno credere di essere stati spiati, seguiti, ricostruiti, tanto ci sentiremo somiglianti a queste condizioni precarie: non solo questioni di lavoro, ma attributi ormai divenuti esistenziali, in cui la solidità degli amici, le improbabili relazioni e le lotte di classe diventano uno specchio in cui, a metà del cammino della propria vita, forse diventa rassicurante specchiarsi e perché no, commuoversi un po’.

Posted in: Novità, Recensioni
Stefania Castella

About the Author:

Mi chiamo Stefania e sono nata a Napoli da padre con occhi trasparenti e madre con lunghissimi capelli biondi e gonnellone hippy. Non so perché ve lo dico, solo perché tutti scriviamo dove nasciamo e nessuno da chi. Sono grafica pubblicitaria e soprattutto mamma a tempo pieno e indeterminato. Scrivo da quando ho imparato, leggo da sempre e ascolto da molto di più. Mi piace leggere e raccontare storie, dare voce. Scrivere è la mia esigenza, la mia necessità. Mi piace raccontare ciò che ho letto cercando di trasmettere l'emozione che ho provato, lasciandovi entrare nel viaggio che ogni scrittore regala. Se questo si chiama recensire, allora recensisco. Cosa fa su MeLoLeggo? Quello che amo fare: immergermi in una storia di carta, con rispetto e onestà, affiancandomi con voi alle pagine e percorrendo lo stesso bellissimo sogno. Ogni scrittore partorisce le sue creature con amore e fatica, quello che possiamo fare è raccogliere la sua storia. Se una storia non piace non si può stroncarla, solo evitare di raccoglierla, no?

Post a Comment