“I racconti delle tenebre”, un’antologia del terrore

«Ero uscita preparata a morire, e nel lasciare la casa che mi aveva ospitato avevo detto addio coscientemente alle speranze e ai ricordi; la porta aveva sbattuto dietro di me con un tonfo sordo e mi era parso che una lama definitiva fosse scesa sulla storia breve della mia vita, che da quel momento avrei camminato in un mondo oscuro di ombre; ero di scena nel primo atto della morte.»

I racconti delle tenebre
I racconti delle tenebre

Nessuna paura è più atavica e primitiva della paura del buio. Nessuno si può dire esente dalla paura di ciò che il buio rappresenta: l’ignoto, reale ed irreale, dentro e fuori le nostre anime.

Con I racconti delle tenebre (Einaudi editore), Fabio Genovesi ci regala un’inaspettata antologia di racconti dei più grandi maestri dell’horror vissuti tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo.

Molti di questi racconti sono stati riediti negli ultimi anni, anche in edizioni minori, e sono tra i più famosi e blasonati dei loro autori. Probabilmente nella biblioteca di un appassionato di letteratura dell’orrore classica saranno già presenti; ciò non toglie che questa antologia si rivelerà un ottimo acquisto per chi si sta avvicinando ora al genere horror, e non solo. I diciassette racconti contenuti in questo libro possiedono infatti l’allure della letteratura Ottocentesca e uniscono orrore, suspense e mistero con una scrittura elegante e atmosfere gotiche di rara bellezza.

Tra gli autori si riconoscono nomi famosi, come Lovecraft, Poe e Stoker, e i fondatori del genere, come Blackwood e Machen, ma si trovano anche nomi sconosciuti o inaspettati, come Tolstoj e Wormser, qui alla prima traduzione italiana del racconto. Tra i tanti autori, è piacevole trovare anche due autori italiani come Ardengo Soffici (più conosciuto come pittore che come scrittore) e Salvatore Di Giacomo.

Gli elementi del terrore e le ambientazioni di questi racconti sono tanto vari da riuscire a toccare tutta la gamma che la letteratura ci propone. Si passa dai “tradizionali” fantasmi, a personaggi misteriosamente ritornati dalla tomba, ai vampiri, ma troverete anche entità senza forma né nome in grado di far accapponare la pelle.

Il lavoro di ricerca svolto da Fabio Genovesi è encomiabile proprio per la varietà e la particolarità dei racconti scelti, che, con classe d’altri tempi, non sfociano mai nell’autocompiacimento o in un gusto per il macabro un po’ splatter che caratterizza alcuni autori moderni.

Un altro elemento interessante della raccolta è la scelta del curatore di far antecedere ad ogni racconto un breve paragrafo introduttivo che, pur senza svelare gli elementi chiave della trama, riesce a rendere fruibile la lettura anche al lettore più a digiuno di letteratura horror. In queste brevi introduzioni, Genovesi ci dà inoltre qualche accenno alla vita degli autori e ad eventuali trasposizioni cinematografiche del testo.

Il grande pregio di questa antologia è di far conoscere storie che hanno segnato i lettori di diverse epoche. 

Non deve spaventare l’idea di affrontare un’antologia dell’orrore, poiché nei racconti che contiene c’è molto più di questo: ci sono atmosfera, sentimento e tanta umanità in cui possiamo riconoscerci, poiché, come si è scritto all’inizio, la paura è uno dei sentimenti più universali e trasversali nel genere umano. Non solamente la paura dell’ignoto: come sosteneva Mark Twain, il pericolo non proviene da ciò che non conosciamo, ma da quello che crediamo sia vero e invece non lo è.

Elisabetta Zocca

Elisabetta Maria Zocca è una restauratrice specializzata in beni librari e pergamenacei e passa le sue giornate tra archivi e biblioteche pubbliche e private. Nata e cresciuta a Verona ma con il cuore a Venezia, ha sviluppato fin da bambina l'amore per la lettura e per la scrittura, passioni che l'hanno portata ad attivarsi precocemente nel mondo della promozione del libro e della cultura. Molti suoi racconti si possono trovare online e in libreria all'interno di diverse antologie tematiche. Scrive inoltre articoli e interviste su vari magazine online, tra cui LoSpazioBianco, FrizziFrizzi e Vanilla Magazine. Ha creato e gestisce con successo diversi gruppi di lettura per adolescenti con una formula innovativa. Cosa fa su MeLoLeggo? Recensisce i libri che più le piacciono tra quelli che legge, mettendo ordine nella sua testa e nelle letture sul suo comodino, che spesso diventano instabili pile pronte ad abbattersi su di lei nel sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.