Sempre meglio della realtà, di Daniele Titta

Sempre meglio della realtà

Sempre meglio della realtà

Cosa può accadere a un uomo che per lungo tempo si è lasciato  corrompere dall’avidità e dalla sete di potere e che è entrato in una scuola abbandonata divenuta il rifugio per una sorta di divinità lovecraftiana? E se sulla terra scoppiasse una terribile epidemia, gli esseri umani, che oggi si ritengono così evoluti e saggi, sarebbero ancora in grado di mantenere la propria umanità e provare ancora sentimenti come l’amore o l’amicizia?

Dieci racconti in cui demoni, malattie, divinità oscure e incubi la fanno da padrone, ricchi di spunti di riflessione e in grado di affascinare e terrorizzare l’incauto lettore.

Il nostro capo aveva sentito delle chiacchiere in merito a furtivi movimenti notturni tra un edificio e l’altro, ma aveva lo stesso deciso di partecipare alla gara d’appalto e l’aveva vinta, applicando un ribasso al limite del legale. Il mio compito era controllare i sistemi di areazione. Depurarli, sostituire le griglie, montare i condizionatori e supervisionare gli scarichi. Un tempo quel posto era stato un manicomio, ma ora il sindaco intendeva dargli una ripulita e farlo diventare un polo medico multifunzionale entro il giorno delle elezioni.  Santa Maria della Pietà, a metà strada tra Forte dei Boschi e Monte Mario, voci di elettroshock dimenticate dalla nuova generazione in fila alla Snai, echi di camicie forzate, di pazienti scomparsi nel nulla.

Riuscire a catturare alcuni frammenti di incubo e trasformarli in parole non è impresa facile, ma il giovane e talentuoso Daniele Titta, già noto per il discreto successo riscosso nel 2011 con il romanzo Tracce di Memoria (finalista del premio Urania nello steso anno di edizione), ci è riuscito in pieno.

Sempre meglio della realtà  (CasaSirio Editore) è una raccolta di dieci racconti che, sotto lo sguardo incredulo del lettore, frugano con prepotenza nelle pieghe del possibile e portano alla luce quei mostri ciechi che si annidano proprio nei nostri incubi. Ma la bravura di Titta non si limita solo alla grande capacità inventiva: prosegue con uno stile unico e dalla spontaneità rara (nessuno dei racconti presenta tracce o elementi che possano renderlo “pesante” alla lettura), che accompagna una capacità descrittoria inquietantemente ricca e dettagliata.

La narrativa del genere horror italiano ha un nuovo e validissimo esponente che, sono sicuro, non smetterà di stupirci anche in futuro.

Autore: Daniele Titta

Titolo: Sempre meglio della realtà

Pagine: 208

Casa editrice: CasaSirio Editore

Prezzo: 13,00 euro

Inserito in: Novità

Articolo inserito da:

Gabriele Scandolaro è dottore in Lettere Moderne ed educatore ed è un lettore proprio come voi. La sua passione è iniziata in tenera età grazie ad una nonna molto speciale che passava i pomeriggi raccontandogli favole e leggendogli libri. Ma non ne aveva mai abbastanza. Ha iniziato a leggere per conto suo e da allora non ha più smesso. Legge qualsiasi cosa: fantasy, gialli, saggi, romanzi rosa, horror, testi scolastici, fiabe, manuali. La sua passione lo ha portato a laurearsi in Lettere Moderne perché unica scelta possibile per un lettore così avido come si descrive. Quando non legge suona il violino. Non riesce a immaginare una vita senza libri e senza musica. Cosa fa su MeLoLeggo? Recensisce i nuovi autori e si dedica a raccontarli attraverso le interviste.

Inserisci un commento