Recensione: La casa dal pergolato di glicine, di Lucia Guida

La casa dal pergolato di glicine

La casa dal pergolato di glicine

Il romanzo è ambientato a Santa Severa, piccola località balneare vicino Roma, negli anni ’70.
In una casa di villeggiatura si svolgeranno le vicende di Marina e Attilio, una coppia di sposi uniti solo in nome della quotidiana apparenza. Marina è infelice in questa condizione fatta di freddezza e buone maniere, mentre il marito è votato alla carriera e alle altre donne. Ben presto le loro vite cambieranno e il villino di Santa Severa racconterà il cambiamento, soprattutto per Marina.

La sera in cui Marina decide coscientemente di non chiudere gli occhi di fronte alla relazione extraconiugale del marito, incontra per caso Walter, l’uomo di cui s’innamorerà e che cambierà per sempre la sua vita. A questo punto la protagonista dovrà decidere cosa fare della sua esistenza, a maggior ragione quando scoprirà di essere incinta: cambiano le priorità cambiano e non c’è più spazio per le bugie. Marina conterà sempre sul sostegno della sua migliore amica Sabina, che accompagna l’amica nella sua evoluzione di donna, fino al momento in cui la stessa Marina non potrà più custodire dentro di sé tutti i ricordi più cari.

Siamo di fronte al primo romanzo dell’autrice Lucia Guida, che già in passato abbiamo incontrato con la raccolta di racconti “Succo di Melagrana”. Ancora una volta ci troviamo tra le mani una piccola meraviglia fatta di meticolosità e sfumature, dove le parole diventano ornamenti per le immagini descritte. Forse in alcuni momenti la particolare attenzione riposta nella narrazione lascia poco spazio al lettore su proprie eventuali fluttuazioni riflessive, ma di contro non si può di certo dire che l’autrice non curi in ogni minimo dettaglio la propria opera. Con mano delicata si è condotti dall’inizio alla fine di queste pagine seguendo l’evoluzione interiore dei personaggi. Toccante il racconto dell’amicizia tra Marina e Sabina, che nelle ultime pagine trova l’espressione più profonda. In questo libro non troviamo solo i temi di amore e amicizia, ma la rappresentazione di più cammini alla scoperta di se stessi.

Autrice: Lucia Guida

Titolo: La casa dal pergolato di glicine

Pagine: 154

Casa editrice: Edizioni Nulla Die

Prezzo: 16,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Luana Aca

Articolo inserito da:

Luana è media content specialist e lettrice curiosa. Spazia infatti dai romanzi di Jane Austen al genere fantasy, passando da Calvino e Sylvia Plath. Predilige comunque gli autori che fanno dell'animo umano il loro protagonista. Ama qualsiasi cosa che ricordi la Nuova Zelanda (pecore comprese), gli oggetti fluo, la musica jazz e l'elettronica, ma nel frattempo si esercita al violino e, in mancanza, canta. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge, recensisce, cura e progetta i contenuti e le interviste.

1 commento su "Recensione: La casa dal pergolato di glicine, di Lucia Guida"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Recensione: La casa dal pergolato di glicine, d... | venerdì 14 marzo 2014

Inserisci un commento