Recensione: Il signor nessuno, di Joanna Concejo

Il signor nessuno

Il signor nessuno

La prima volta che mi presentarono “Il signor nessuno”, di Joanna Concejo, pensai – da persona totalmente ignorante nel campo – che l’illustrazione consistesse dunque nel rappresentare ciò che si vuole, indipendentemente dal testo che accompagna.

Un anno dopo, ricca di un bagaglio di conoscenze sul tema decisamente più ampio, comprai subito il libro, presa dall’impeto di un amore folle per l’autrice e le sue scelte stilistiche. Continuai comunque a non comprendere la sua capacità interpretativa. Meno capivo, più sfogliavo, riguardavo, rileggevo le immagini, per poi passare alla storia. Ero convinta di poter dare un senso alla sua arte.

“Il signor nessuno” è un libro da sfogliare con lentezza, leggendo e rileggendo le immagini associate alla storia, soffermandosi su ogni piccolo particolare, anche il più insignificante, perché anche quello può aprirti un mondo. L’illustratrice ci presenta il protagonista parlando il linguaggio della gente che lo conosce, e guardandolo con gli occhi di quelle persone che gli passano accanto tutte le mattine.

Invisibile. Una persona del tutto insignificante, incapace di lasciare anche solo una minima traccia di sé alle persone che lo circondano. Uno di quegli individui che se scomparisse dalla faccia della terra nessuno se ne accorgerebbe. Il signor nessuno è un signorotto appena accennato da un tratto fine e delicato, tipico di Joanna Concejo, che si perde in uno sfondo di individui grandi e grossi, dall’aria totalmente disinteressata, troppo impegnati a risolvere chissà quale dramma interiore, per apprezzare il mondo che li circonda. E questo è tipico degli abitanti di quella zona, tipico della gente che vive in quel quartiere. Un quartiere grigio. Dove piove sempre. Dove piove anche dentro. Dove la pioggia ti parte dal cuore. Quel quartiere dove nessuno si conosce veramente.

Il signor nessuno no, non tiene la pioggia nel cuore. È un essere insignificante, grigio, piccolo, né brutto né bello, solitario e probabilmente anche muto. Ma lui no, non tiene la pioggia nel cuore. Nel cuore lui tiene l’amore.

Una storia delicata, fine, soave, poetica e tanto leggera da perdersi nell’aria e avvolgerti come una calda brezza estiva. È una storia che cammina in punta dei piedi e attraversa gentilmente il tema dell’indifferenza, dell’ignoranza, della solitudine. Ma è una storia che parla d’amore. Un amore intimo e profondo, che trasmetti senza ricevere nulla in cambio.

Autrice: Joanna Concejo

Titolo: Il signor nessuno

Titolo originale: El señor nadie

Casa editrice: TopiPittori

Prezzo: 18,00 euro

Note: Libro illustrato

Elisa Bellino

Articolo inserito da:

Elisa Bellino è una pazza sognatrice che passa il suo tempo tra le nuvole... Ha una passione morbosa, addirittura malata per l´illustrazione e vorrebbe fare del suo sogno un mestiere: lavorare di fantasia mettendo in moto la parte del suo Io bambino, che è assolutamente intenzionata a non abbandonare mai. Vorrebbe camminare lassù, tra le nuvole, e passare le sue giornate a generare piogge di coriandoli, per insegnare a sognare anche alla gente che si trova al di sotto, che ha perso la bellezza dell´immaginazione. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge tanto, tantissimo. Recensisce album illustrati e scrive tutto quello che vede e che le passa per l’anticamera del cervello quando trova un nuovo album. In parole povere: condivide le sue scoperte con voi

1 commento su "Recensione: Il signor nessuno, di Joanna Concejo"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Recensione: Il signor nessuno, di Joanna Concej... | martedì 8 aprile 2014

Inserisci un commento