Recensione: Raccontare gli alberi, un’opera illustrata

Raccontare gli alberi

Raccontare gli alberi

Un libro illustrato a quattro mani, accompagnato da brillanti testi, citazioni e poesie prese in prestito da narratori di tutti i tempi, quali Omero e Edmond Jabès, che hanno trovato negli alberi una fonte d’ispirazione e un soggetto su cui riflettere.

“Raccontare gli alberi”, edito da Rizzoli, è il libro che, grazie alle stupende illustrazioni di Pia Valentinis e Mauro Evangelista, e ai testi curati da Paola Parazzoli e Giusi Quarenghi, è riuscito a vincere il Premio Andersen come Miglior libro di divulgazione per ragazzi del 2012.

Un volume dal formato inusuale, grande e avvolgente, che esalta la raffinatezza delle immagini e riesce a sottolineare lo stile omogeneo e complementare dei due illustratori.

Pia Valentinis scandisce le forme con un tratteggio a china fine, fatto di chiaroscuri dettagliati, e linee intricate come rami, un tratto duro come corteccia e allo stesso tempo vivo e organico come i particolari che riesce a cogliere.

Mauro Evangelista gioca invece con la luce, i colori pastosi e brillanti dei pastelli ad olio distribuiti a piccoli tratti, uno accanto all’altro, fitti e vivaci come fili d’erba disordinati e  foglie al vento.

Il tema dell’ “albero” si sviluppa attraverso molti linguaggi e diversi punti di vista.

Da tavole dettagliate delle varie parti che compongono l’albero (fusto, foglie, nodi, corteccia, frutti, semi) affiancate da annotazioni botaniche e descrizioni scientifiche sulle caratteristiche di ogni specie, si passa a visioni macroscopiche degli ambienti nel quale gli alberi si collocano nella loro interezza ridisegnando il paesaggio, suggerendo da sempre storie e versi poetici a chi li osserva.

Serie di piccoli schizzi in bianco e nero su un taccuino da disegno affiancano immagini elaborate ed ampie come quadri che colgono il passare del tempo e delle stagioni.

Le tavole avvolgono il lettore in un’atmosfera fatta di sensazioni e luoghi che riaccendono ricordi, come istantanee di un paesaggio in cui la presenza dell’Uomo è percepibile solo attraverso piccoli particolari: oggetti abbandonati nella quiete della natura denotano il passaggio dell’uomo, senza che venga mai rappresentata la figura umana. Case silenziose e cortili deserti si integrano e intrecciano nel paesaggio naturale suggerendoci una connessione molto forte e allo stesso tempo se quasi impercettibile, un legame secolare: quello tra l’uomo e l’ambiente.

Autori: Testi: Paola Parazzoli, Giusi Quarenghi Illustratori: Pia Valentinis, Mauro Evangelista

Titolo: Raccontare gli alberi

Casa editrice: Rizzoli

Prezzo: 24,00 euro

Clyo Parecchini

Articolo inserito da:

Clyo Parecchini si occupa di grafica ed illustrazione per applicazioni . Da sempre studia l'Arte in ogni sua forma figurativa: dal cinema d'animazione, al restauro. Ama pensare che le cose belle siano anche profondamente utili, o che le cose utili debbano avere anche un lato puramente artistico. Insomma: ama la "forma" e la "sostanza" in maniera equa ed indissolubile, per questo è affascinata dai testi complessi di Gadda e Joyce come dai libri che si raccontano per immagini. Cosa fa su MeLoLeggo? Recensisce libri illustrati e grafic novel per tutte le età.

1 commento su "Recensione: Raccontare gli alberi, un’opera illustrata"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Recensione: Raccontare gli alberi, un’ope... | martedì 28 gennaio 2014

Inserisci un commento