La coppia più romantica della letteratura? Fitzwilliam Darcy ed Elizabeth Bennet

Orgoglio e Pregiudizio

All’interno di un sondaggio lanciato sulle pagine social di Libreriamo.it per San Valentino, i protagonisti di Orgoglio e Pregiudizio precedono i passionali Paolo e Francesca e i celebri Romeo e Giulietta

 “Voto Darcy ed Elizabeth in Orgoglio e pregiudizio. Perché da sempre orgoglio e pregiudizio sono i peggiori nemici dell’amore”, le parole di Elena Condemi, booklover che ha indicato Fitzwilliam Darcy e Elizabeth Bennet come coppia più romantica in letteratura. I protagonisti di “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen sono risultati la coppia più votata all’interno delle pagine social di Libreriamo.it, scelta da più di un booklover su 4 (26%). Seguono in questo speciale podio di San Valentino i passionali Paolo e Francesca (15%) e i celebri Romeo e Giulietta (15%).

Il romanzo della scrittrice inglese Jane Austen ha come temi principali l’orgoglio di classe del signor Darcy e il pregiudizio di Elizabeth Bennet nei confronti di quest’ultimo. È proprio questa distanza iniziale tra i due personaggi che pian piano col proseguire della storia si assottiglia, tanto da portare il protagonista ad innamorarsi di Elizabeth nonostante la bassa classe sociale di lei, perché è l’unica che lo tratta senza favoritismi. Quello che colpisce i booklover è la loro storia d’amore non convenzionale, segnata da litigi e di difficoltà, ma che alla fine vede l’amore trionfare.

Al secondo posto ecco Paolo e Francesca (19%), sicuramente una delle coppie più passionali e sfortunate della letteratura. Personaggi storici, resi celebri dal V canto dell’Inferno della Divina Commedia di Dante, in vita furono cognati (Francesca era infatti sposata con Gianciotto Malatesta da Rimini, fratello di Paolo) e questo amore li condusse alla morte per mano del marito di Francesca. Francesca spiega al poeta come tutto accadde: leggendo il libro che spiegava l’amore tra Lancillotto e Ginevra, i due trovarono calore nel bacio tremante che alla fine si scambiano e caratterizza l’inizio della loro passione. “Paolo e Francesca sono gli amanti per antonomasia – dice Maria Lorello – il loro amore supera ogni confine di spazio e di tempo. Questa coppia è stata resa immortale dai versi memorabili di un grande, il quale, ascoltando la loro storia si emozionò a tal punto che cadde ‘come corpo morto cade’, trasmettendo anche a noi la stessa emozione”.

Sul gradino più basso di questo speciale podio di San Valentino, troviamo i celebri Romeo e Giulietta (15%), protagonisti di una delle storie d’amore più popolari di ogni tempo e luogo. Resi celebri dalla penna di William Shakespeare, Romeo e Giulietta appartengono a due famiglie veronesi, i Capuleti ed i Montecchi, che si odiano vicendevolmente. Il loro è  un amore che cerca di superare mille difficoltà, tanto che i due innamorati progettano la loro fuga che finisce tragicamente con la morte di entrambi. “Voto assolutamente Romeo e Giulietta – afferma Lorenza Spagnoli – Caparbi, pronti a tutto per il loro amore e poi…terribilmente romantici!”

Le altre coppie scelte dai booklover sono Anna Karenina ed il conte Vronskij, protagonisti del celebre romanzo di Lev Tolstoj, i personaggi troiani Ettore e Andromaca (“Attraverso i limpidi versi di Omero emerge tutta la composta, tragica grandezza di una coppia ideale”, spiega Rosaria Pagliuca), l’amore platonico tra il sommo poeta Dante e la sua Beatrice,  quello infedele tra il cavaliere Lancillotto e la bella Ginevra, non destinato a un lieto fine, e l’amore tormentato tra Rhett Butler e Rossella O’Hara, protagonisti di Via col vento, il romanzo di Margaret Mitchell.

Inserito in: Eventi, Novità
Redazione

Articolo inserito da:

Scopri di più sulla Redazione di MeLoLeggo.it

1 commento su "La coppia più romantica della letteratura? Fitzwilliam Darcy ed Elizabeth Bennet"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Silvia ha detto:

    Heathcliff e Catherine
    Io lo amo più di me stessa, Ellen; e lo so da questo: tutte le sere io prego di potergli sopravvivere, perché preferirei essere infelice io, piuttosto che saperlo infelice. È la prova che l’amo più di me stessa.

    dal libro “Cime tempestose” di Emily Brontë

Inserisci un commento