Perfetto per me, di Julie Ortolon

Perfetto per me

Volete un libro di quelli fattuali e semplici? Una perfetta lettura da spiaggia? Scorrevole, piacevole, senza pretese. Trecento pagine per prendersi una pausa dal sole cocente.  “Perfetto per me” fa al caso vostro.
Se dovesse essere sottoposto ad una critica severa si potrebbe semplicemente dire che non è un libro: leggerlo è come guardarsi un film, di quelli rosa e morbidi di cui si conosce il finale solo scorgendone di sfuggita la copertina.
E’ una coccola, un riposo, qualcosa di rasserenante cui poter fare affidamento.

La storia scorre tranquilla tra le dita, il linguaggio non è ricercato, la sintassi un po’ preoccupante nella traduzione (qualche pronome sbagliato lascia piuttosto perplessi) e i personaggi principali, Christine e Alec, sono molto polpettosi, così perfetti da rasentare la fantascienza: lei una bellezza algida e raffinata, i modi affabili di una ragazzina e l’ombra di un padre distratto a pesare sulle sue scelte; lui un intraprendente ragazzo che-si-è-fatto-da-sé (a dispetto di ogni cosa, ovviamente), testardo, dolce e adorante fino all’eccesso.

Siamo in estate, però. Una caldissima estate. Dunque, ci si può concedere qualcosa senza rimpianti.

Julie Ortolon

Nonostante il libro faccia parte di una trilogia (“Almost Perfect” a precedere e “Too Perfect” a seguire – letteralmente: “Quasi perfetto” e “Troppo perfetto”), in Italia non è stato tradotto nient’altro della stessa autrice, Julie Ortolon (pur prolifica). Texana dal viso affabile, nel suo sito si mostra in mezzo alle piante con indosso un sorriso smagliante,  raccontando simpaticamente di come sia iniziata la sua avventura nel mondo dei libri: da ragazzina dislessica che non amava affatto né leggere né scrivere, se non immaginare … a vincitrice del premio di un concorso con il primo racconto a cui riuscì a dare forma cartacea.
Il cambiamento è sopraggiunto però con l’arrivo del suo primo computer e del “magico Correttore Ortografico”. Da lì in poi è storia o, meglio, le sue storie.

Autrice: Julie Ortolon

Titolo: Perfetto per me

Titolo originale: Just Perfect

Traduttrice: Raffaella Patriarca

Pagine: 307

Casa editrice: Baldini Castoldi Dalai

Prezzo: Si può trovare a 5,90 euro (edizione 2008)

Sito internet di riferimento: www.julieortolon.com/

Inserito in: Recensioni
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento