Duma Key, di Stephen King

Duma Key

Non leggete questo libro. Non fatelo. Rischiereste, a distanza di giorni, di sentirne ancora una forte e incredibile mancanza. “Duma key” non è un romanzo dalle atmosfere allegre e gioiose ma una storia umana, cruda, forte e stranamente, profondamente intima.

Stephen King scrisse questo romanzo nel 2008 e fu un successo immediato: solo nelle prime due settimane dall’uscita raggiunse il record di 2 milioni di copie vendute, attestandosi al primo posto  nella lista dei bestseller stilata dal New York Times e aggiudicandosi successivamente il premio Bram Stoker per le opere di narrativa dell’orrore.

La trama è semplice ma efficace. Si costruisce a poco a poco, invitando il lettore con piccoli indizi, flash-back e descrizioni oniriche a seguire un filo narrativo forte, compatto, che non lascia nulla al caso e condensa pagina dopo pagina graduali e crescenti emozioni. Protagonista è Edgar Freemantle, un imprenditore edile che, in seguito ad un incidente potenzialmente mortale, perde un braccio e accusa gravi danni al cervello. Come parte del suo percorso di riabilitazione, non solo fisica ma mentale, decide di cambiare scenario alla propria vita e di prendere casa in affitto a Duma Key, suggestiva e incontaminata isola della Florida dove, su consiglio del proprio terapeuta, rispolvera la sua antica passione per il disegno e l’espressione artistica. Da quel punto in poi è un lungo scorrere di giorni che, l’uno dopo l’altro, vanno a svelare, tassello dopo tassello, ciò che l’isola, come gigante solo apparentemente dormiente, sembra celare.

Stephen King

Non si discute sul finale. In molti han criticato il modo in cui King ha scelto di concludere la storia e sarà quindi apprezzabile o meno in base alle aspettative del lettore ma è certo che non si possono e non si devono mettere a parte le caratteristiche invece più lodevoli del libro. Uno dei piaceri che offre, oltre alla storia incalzante, è sicuramente l’immedesimazione che Stephen King rende così semplice al lettore grazie alla chiarezza espositiva e alla spontaneità del suo stile. Edgar non è solo faro e occhio sul mondo che lo circonda, ma anche il flusso di pensieri che ci accompagna, come una coscienza, attraverso l’intorno e i contatti che intrattiene con le persone. Ricordi, immagini, sentire e percezioni sono accuratamente vagliati e indagati dal suo riflettere e osservare. Concreta presenza fisica hanno anche i luoghi: le piante malsane, l’imponenza del tramonto sul mare e i suoi colori, il fruscio delle onde sul manto di conchiglie che ricopre il tratto di spiaggia sotto la casa, un rumore costante, continuo, simile a voci che parlano e gridano.

Un bel romanzo psicologico, insomma, che potrà farvi ottima compagnia. Ovviamente, sarà ancor più suggestivo se vi troverete in un luogo vista mare.

Autore: Stephen King

Titolo originale: Duma Key

Traduttore: Tullio Dobner

Pagine: 611

Casa editrice: Sperling&Kupfer

Prezzo: Si può trovare a 9,80 euro

Inserito in: Recensioni
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento