In libreria arriva “La tana del Bianconiglio”, il secondo romanzo di Francesco Facchinetti

La tana del Bianconiglio

La tana del Bianconiglio

Chi ancora non lo conosce? Dopo il successo riscontrato con la Canzone del capitano, il singolo che fece ballare tutta l’Italia più di dieci anni fa, Francesco Facchinetti si è fatto lentamente strada come conduttore televisivo e oggi è una delle più simpatiche facce di The Voice of Italy 2015, il talent show dove, insieme al padre Roby, storica voce dei Pooh, divide tanto la poltrona di giudice quanto le scelte sui nuovi talenti.

Facchinetti junior si è però lanciato oggi in una nuova sfida: un romanzo noir da poco uscito per quelli di Mondadori che si prospetta essere ben diverso dalla sua prima fatica, Quello che non ti aspetti (scritto a quattro mani con Domenico Liggeri ed edito da Sperling&Kupfer), che proponeva di ripercorrere la storia del cantante in chiave romanzesca, dalla nascita alla maturità. Il suo nuovo romanzo si intitola La tana del Bianconiglio, è ambientato nel Parco Sempione di Milano, che Francesco descrive come il luogo dove “si concentrano tutte le contraddizioni della metropoli”, e racconta di un’amicizia tra due ragazzi provenienti da due mondi completamente diversi: l’uno è rom, l’altro è invece parte della Milano bene. La storia si apre con un l’omicidio di una giovane ragazza che il protagonista, Giovanni Mandelli, trova mentre è serenamente impegnato a fare jogging.

Nelle parole pubblicate sul Corriere della Sera, Francesco svela ancora di come questo suo romanzo sia nato inizialmente “come un saggio sul male”, ma che poi si sia gradualmente trasformato in un romanzo, rispondendo a un suo “bisogno di raccontare una sofferenza interiore, il lato buio, la negatività che si nasconde in ciascuno di noi”. E aggiunge: “Il libro dimostra che la sofferenza è sempre uno stimolo verso la creatività”.

Inserito in: In libreria, Novità
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento