Girasole, di Cao Wenxuan

Girasole

Girasole

Girasole, di Cao Wenxuan (traduzione di Paolo Magagnin) è il titolo che inaugura la collana “Bestseller dal mondo” di Giunti, dedicata a romanzi che sono diventati dei classici nei Paesi d’origine e che meritano di essere letti anche in Italia. È un libro per ragazzi insolito rispetto a quanto vediamo oggi in libreria per questa fascia di età (è una buona lettura dai 10 anni), perché  ha molte pagine (più di trecento) e la narrazione, soprattutto all’inizio, è lenta. Ma è proprio questo il suo pregio: le descrizioni sono vivide, il trascorrere lento della vita quotidiana fatta di gioie e di fatiche rende il lettore cosciente dello scorrere delle stagioni, gli permette quasi di toccare con mano la realtà della Cina rurale dell’epoca.

Il romanzo è ambientato negli anni della Rivoluzione Culturale di Mao, in un piccolo villaggio chiamato Campodigrano. Girasole ha sette anni, è orfana di madre ed è da poco arrivata insieme al padre alla Scuola per Quadri che si trova accanto al villaggio. In quel periodo queste Scuole accoglievano i quadri del partito insieme ad alcuni artisti (è quest’ultimo il caso del padre di Girasole) perché trascorressero un periodo in una zona rurale svolgendo lavori manuali.

Girasole è una bambina curiosa e intelligente, ed è amata da tutti. Purtroppo il destino si dimostra ancora una volta avverso per lei: un incidente le porta via anche il padre, e alla Scuola si decide di affidarla a una famiglia di Campodigrano. L’unica disposta ad accogliere una bocca in più da sfamare è la famiglia più povera del villaggio, quella di Bronzo, un ragazzino muto.

Girasole verrà amata fin dal primo giorno dai suoi nuovi genitori, ricambierà il loro affetto e vorrà molto bene anche alla nonna, una figura saggia e rispettata in tutto il villaggio. La relazione profondamente fraterna con Bronzo è l’elemento più commovente della storia: i due bambini diventeranno infatti inseparabili, saranno sempre pronti a proteggersi a vicenda e a difendersi dalle angherie di Pescerauco, il bambino più perfido del villaggio.

La vera forza del romanzo sta nel racconto della vita che scorre giorno dopo giorno, nella narrazione di una quotidianità fatta di sacrifici, di lavoro nei campi, di preoccupazioni per la scarsità di cibo e denaro, ma soprattutto di gioia generata dall’unione e dall’amore familiare.

La storia sembra quasi sospesa in un tempo indefinito, e questo lo si deve al tono quasi fiabesco della narrazione. Credo che saranno molti i bambini che ne resteranno incantati.

Autore: Cao Wenxuan

Titolo: Girasole

Titolo originale: 青铜葵花

Traduttore: Paolo Magagnin

Pagine: 320

Casa editrice: Giunti editore

Prezzo: 10,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Alice Pascutti

Articolo inserito da:

Alice Pascutti è laureata in traduzione e amante della letteratura. Ha cominciato da bambina: a Natale preferiva ricevere libri piuttosto che giocattoli. È stata tuttavia la passione per la traduzione a renderla una lettrice onnivora e capace di sfruttare ogni momento utile per aprire un libro. Il divano di casa è certamente il suo luogo ideale, ma non trova male neanche la metropolitana… Legge e spesso rilegge alla ricerca del dettaglio più nascosto. La sua sfida quotidiana è imparare sempre qualcosa di nuovo. Per questo le piace pensare che il mondo sia come un grande libro aperto di cui, ogni giorno, possiamo leggere una pagina e magari, perché no, anche scrivere qualche riga. Cosa fa su MeLoLeggo? Condivide il suo amore per i libri con altri lettori come lei, si tuffa in storie e stili ogni volta diversi e recensisce tutto ciò che, a suo dire, merita di ricevere attenzione.

Inserisci un commento