Il filo dell’orizzonte, di Antonio Tabucchi

Il filo dell'orizzonte
Il filo dell’orizzonte

Leggere “Il filo dell’orizzonte” di Antonio Tabucchi (Feltrinelli editore) è come addentrarsi tra i caruggi genovesi in una giornata ventosa: si viene colti all’improvviso da una sferzata gelida che screpola il viso, si barcolla sul manto stradale in preda a un turbinio di foglie che coprono la linea del tramonto e poi, tutto d’un tratto, così come ci si era scoperti al centro del ciclone ci si ritrova soli, in mezzo a una strada di nuovo deserta, a domandarsi se sia stato tutto solo un sogno.

“E così eccolo di nuovo a vagare in cerca di niente, i muri di queste viuzze sembrano promettergli un premio che non riesce a raggiungere, come se costituissero il percorso di un gioco dell’oca fatto di caselle vuote e di trucchi nel quale lui continua a girare sperando che a un certo punto la ruota si fermi e la pallina cada su un numero che dia significato a tutto. E intanto là c’è il mare, che lui guarda. Su di esso passano sagome di navi, qualche gabbiano, nuvole.”

Protagonista della storia è Spino, un uomo di cui non si sa quasi nulla se non che lavora all’obitorio, ha una compagna di nome Sara e un amico giornalista. Vive un’esistenza ordinaria, monotona, fatta di giorni sempre uguali. Fino a quando, proprio in un giorno identico a tutti gli altri, s’imbatte nel corpo di un giovane dall’identità sconosciuta. Quello che altro non è se non un caso di cronaca irrisolto diverrà per Spino un vaso di Pandora, capace di scoperchiare gli irrisolti di un’esistenza troppo a lungo sospesa.

Tra filosofia e giallo contemporaneo, a metà strada tra il romanzo di formazione e il noir, Antonio Tabucchi regala al lettore il romanzo del “non detto”: sì, perché ne “Il filo dell’orizzonte” ogni cosa “non accade” mai veramente.

Attese, ricordi che svaniscono nella mente, incontri mancati si susseguono tra le pagine in un viaggio onirico che ammalia il lettore proprio per il suo procedere apparentemente senza meta, oltre i confini della narrazione tipica.

Un romanzo da leggere tutto d’un fiato, che dal noir si spinge verso il mare aperto, quello ligure, fatto di mareggiate e di troppo sale sulla pelle, di tramonti struggenti e di orizzonti che rimangono dentro gli occhi.

“Ha pensato alla forza che hanno le cose di tornare e a quanto di noi stessi vediamo negli altri. […]

E ha pensato che c’è un ordine delle cose e che niente succede per caso; e il caso è proprio questo: la nostra impossibilità di cogliere i veri nessi delle cose che sono.”

Roberta Taverna

Roberta Taverna

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.