Accadde a Natale, di Arnaldo Casali

Accadde a Natale si potrebbe riassumere così: la storia del Natale.

Vi starete domandando se la mia non sia altro che una frase pleonastica. Non è così, perché l’opera di Arnaldo Casali (edita da Graphe.it edizioni) ha come protagonista la festività natalizia nella storia dei secoli. Dal 7 a.C. all’anno 2019.

Quarantacinque racconti per narrare piccoli spaccati di altrettante realtà vissute durante le 24 ore più magiche dell’anno.

L’autore richiama alla memoria personaggi storici e letterari, eventi bellici, fatti di cronaca che si sono perfezionati proprio il giorno di Natale.

Accadde a Natale

Racconti brevissimi, non più lunghi di una manciata di pagine, accompagnano il lettore in un viaggio nel tempo: dai Saturnali romani alla fattoria degli animali di George Orwell, da John Lennon nelle fasi più concitate della creazione di Imagine alla Tregua di Natale del 1915 tra soldati tedeschi ed inglesi.

Lo stile di Arnaldo Casali, asciutto e a tratti minimalista, aggancia il lettore in una sorta di percorso onirico che si conclude sul finale di ogni racconto con il disvelamento di particolari, personaggi, luoghi che conferiscono all’intera storia un ancor più profondo significato.

Accadde a Natale non è il solito libro di genere che strizza l’occhio al finto buonismo: storie, dialoghi e riflessioni hanno il pregio di muoversi nel campo della verosimiglianza e appaiono per ciò che sono: a volte a lieto fine altre crudeli, piene di speranza o ciniche, come il mondo nel quale viviamo.

Per Nillo era una tradizione anche aspettare per mesi, per settimane, per giorni, per ore quell’atmosfera magica, e poi non riuscire ad apprezzarla per la fretta, o semplicemente per la perdita di tempo. […]

Perché in fondo, rifletteva Nilo passeggiando per le vie addobbate della città, sta proprio tutto nell’attesa, la magia del Natale. L’attesa magica di una magia che poi non arriva mai. Almeno, non arriva più, quando diventi grande.”

Roberta Taverna

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.