Una storia blu mare, di Cristiano Cavina

Pinna morsicata

Pinna morsicata

Il mare è affascinante, denso di sostanza, di tutto quel fluido che ti scorre attorno, sopra e sotto, e ti riporta agli albori della tua esistenza, a quando ancora non avevi gli occhi aperti al mondo terreno.

Quel fluido era rassicurante, perché limitato nello spazio.

Il mare vero – o l’oceano, se preferite – non lo è. In realtà è uno spazio sconfinato, dove puoi trovare pericoli a bizzeffe, scoprire l’inimmaginabile e anche trovare amici.

E in quel fluido sconfinato, diventa difficile sparire alla vista degli altri esseri, anche se fai di tutto per isolarti.

Pinna morsicata, protagonista del romanzo di Cristiano Cavina edito da Marcos y Marcosy, è un curioso e avventuroso delfino appartenente al Clan di Muso Lungo che sta cercando in tutti i modi di fuggire ai propri simili e agli altri milioni di esseri che popolano le acque profonde.

Ha perso la gioia e non è felice, per qualcosa che lo ha costretto ad allontanarsi dal clan. Forse quella pinna morsicata, o forse altro, non lo rendono più speciale come credeva un tempo.

Nel girovagare per gli abissi, Pinna morsicata si imbatte in un curioso pesce giallo a forma di valigia, che visto di fronte sembra piuttosto una busta per la spesa. Spigolo – questo il nome che inventa Pinna per definire quel pesce tutto angoli retti e spigoli – è un animale curioso che mangia con voracità, conosce tutti i dialetti delle specie marine ed è così chiacchierone da risultare fastidioso, pedante.

Eppure, nonostante quell’epidermico fastidio, Pinna morsicata non riesce a liberarsene. Scopre anzi che, in fondo, Spigolo gli sta simpatico.

I due viaggiano così per le profondità dei mari, scoprendo cose nuove e imparando a conoscersi a vicenda, perché “…insieme si nuota più veloci, più leggeri, e si può affrontare tutto…”.

Manca qualcosa, tuttavia.

Manca quella rivelazione finale che fa sì che due individui possano dire di conoscersi davvero.

Pinna morsicata rivela il suo segreto, la sua vicenda, il motivo per cui è così infelice. Tutto il creato sembra gravargli sopra, e nulla appare poter migliorare il suo stato d’animo.

L’incontro con uno squalo mako mette fine a tutte le domande, ai dubbi, e a tante altre sciocchezze.

C’è in gioco la sopravvivenza dei due amici, e in questa occasione accade una cosa incredibile. Spigolo si gonfia a dismisura, mettendo in fuga lo squalo;  resta però ferito a morte. E così, agonizzando, svela a Pinna morsicata il suo segreto, il motivo per cui anche lui è costretto a vivere da solo.

Al contrario di Pinna, Spigolo vive in solitudine senza averne colpa, perché è la sua natura a rendere le cose così difficili.

Pinna comprende di colpo “…come dovesse essere perdere tutto pur avendo ragione. Pensò ai mugugni e ai silenzi che aveva sbattuto sul muso a Spigolo, senza sapere di non essere quello che soffriva di più…”.

Cristiano Cavina sciorina una bella storia di amicizia, un racconto maiuscolo e di facile lettura, adatto però non solo ai piccoli lettori.

Tutti noi dobbiamo comprendere la vera morale della storia, quel saper ascoltare anche gli altri, senza riversargli sopra i nostri problemi.

Le nostre ambasce, spesso, divengono puerili questioni di fronte a chi, probabilmente, ha sofferto di più.

Cavina, con Pinna Morsicata, affida questo insegnamento a una storia in cui affiorano il profumo del mare, l’azzurro del cielo e l’immensità del creato.

Si lascia la lettura con un senso di pace, e anche con un piccolo magone.

Si guardarono negli occhi un’ultima volta.

«Giù i testoni e code a manetta, fratello mio» mormorò Spigolo.

Se ne andò così, guardando in alto, con un innocente sorriso di meraviglia. Salì in superficie leggero, pronto a salpare per il grande mare d’aria che avvolgeva tutto il mondo.

Autore: Cristiano Cavina

Titolo: Pinna morsicata

Pagine: 170

Casa editrice: Marcos Y Marcos

Prezzo: 15,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Enzo D'Andrea

Articolo inserito da:

Enzo D’Andrea è un geologo che interpone alle attività lavorative la grande passione per la scrittura. Come tale, definendosi senza falsa modestia “Il più grande scrittore al di qua del pianerottolo di casa”, ha scritto molti racconti e due romanzi: “Le Formiche di Piombo” e "L'uomo che vendeva palloncini", di recente pubblicazione. Non ha un genere e uno stile fisso e definito, perché ama svisceratamente molti generi letterari e allo stesso tempo cerca di carpire i segreti dei più grandi scrittori. Oltre che su MeLoLeggo, scrive di letteratura sul blog @atmosphere.a.warm.place, e si permette anche il lusso di leggere e leggere. Di tutto: dai fumetti (che possiede a migliaia) ai libri (che possiede quasi a migliaia). Difficile trovare qualcosa che non l’abbia colpito nelle cose che legge, così è piacevole discuterne con lui, perché sarà sempre in grado di fornire una sua opinione e, se sarete fortunati, potrebbe anche essere d’accordo con voi. Ama tanto la musica, essendo stato chitarrista e cantante in gruppi rock e attualmente ripiegato in prevalenza sull’ascolto (dei tanti cd che possiede, manco a dirlo, a migliaia). Cosa fa su MeLoLeggo? cerca di fornire qualcosa di differente dalle recensioni classiche, preferendo scrivere in modo da colpire il lettore, per pubblicizzare ad arte ciò che merita di essere diffuso in un Paese in cui troppo spesso si trascura una bellissima possibilità: quella di viaggiare con la mente e tornare ragazzi con un bel libro da sfogliare.

Inserisci un commento