Recensione: Mi mangiassero i grilli, di Andrea D’Agostino

Mi mangiassero i grilli

Mi mangiassero i grilli

Cosa pensi di fare, dove vuoi andare, che cammino desideri percorrere?

Sono le solite domande sciocche che ci si pone ogni tanto. Sciocche perché tanto non sai mai cosa rispondere, soprattutto quando ormai sei consapevole che qualsiasi strada tu scelga, la vita al 99% ne sceglierà un’altra per te, piazzandoti una bella deviazione, una scorciatoia allettante, un tornante pericoloso. Però sono queste le domande che mi sono posta leggendo Mi mangiassero i grilli, il primo romanzo di Andrea D’Agostino edito da Fernandel, seguendo il semplice ragionamento per cui, se esprimi il desiderio d’essere mangiato da un’orda di insetti, forse le cose non ti stanno andando tanto bene.

Secondo me il protagonista di questa storia sarebbe d’accordo. È un giovane ragazzo originario di Enna e si chiama Vinicio (o Cataldo, nel caso vogliate chiedere conferma a sua nonna); orfano di genitori, è cresciuto con un nonno un po’ pavido e una nonna che fa il buono e il cattivo tempo utilizzando una moneta di scambio molto forte, il cibo. Per questo, dopo aver scoperto di essere anagraficamente morto, il nonno semplicemente scappa, seguito da Vinicio non molto tempo dopo. Non pensate possa essere uno spoiler, perché questo è appena l’inizio.

La storia è carina e particolare, ma l’aspetto più godibile del libro è lo stile spontaneo, l’espressione del mondo, la prosa non lineare che mischia presente e passato in modo inatteso, utilizzando i titoli come punti di vista del tutto disallineati dal resto e creando una sorta di scomodità rispetto all’atteso a tutto vantaggio del lettore, che viene spinto a leggere con attenzione costante, vigile. Il linguaggio è visivo e a volte rende, con estrema esattezza, i contorni di una fotografia.

A Enna la nebbia non arriva dal basso come a Codevilla, da dentro la terra. A Enna la nebbia cala dall’alto: nuvole che, come la lana delle pecore sul filo spinato, si impigliano sulle antenne, sui resti del tempio di Cerere, sulla croce arrugginita di Montesalvo. Sono nuvole umide e molli che accendono i reumatismi dei vecchi, ingoiano chi non vuole farsi vedere, imperlano le foglie carnose dei cavoli e i cappotti, fanno ammuffire i soffitti negli angoli, inzuppano le galline fino alle ossa. A vederla da lontano, quando c’è nebbia, sembra che come il nonno Enna si metta la coppola.

Autore: Andrea D'Agostino

Titolo: Mi mangiassero i grilli

Pagine: 92

Casa editrice: Fernandel

Prezzo: 10,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

1 commento su "Recensione: Mi mangiassero i grilli, di Andrea D’Agostino"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Recensione: Mi mangiassero i grilli, di Andrea ... | martedì 21 gennaio 2014

Inserisci un commento