Il Maggio dei Libri: è record

Il Maggio dei Libri

Il Maggio dei libri, la grande campagna nazionale di promozione della lettura che ha preso il via il 23 aprile in coincidenza con la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, ha ormai preso il volo. Tra adesioni eccellenti e un crescente interesse di pubblico, addetti ai lavori e media, la campagna si accinge a entrare nella settimana centrale di maggio, una delle più intense, con un fitto programma di appuntamenti, incontri, concorsi e presentazioni, superando i 2000 eventi complessivi.

Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il sostegno dell’AIE-Associazione Italiana Editori, in collaborazione con partner istituzionali (Presidenza del Consiglio dei Ministri, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Unione delle Province d’Italia,Associazione Nazionale Comuni Italiani) e con i soggetti storicamente legati al mondo dei libri e della lettura (Associazione Librai Italiani, Associazione Italiana Biblioteche), l’edizione 2012 de Il Maggio dei libri si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica  e con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco.

Scopo della campagna è portare il libro fra la gente, distribuirlo, farlo conoscere, arricchendolo di un forte valore sociale e affettivo. Abbattendo confini geografici, generazionali, culturali. Spinti dall’entusiasmo e dalla partecipazione di decine di associazioni, istituzioni e lettori, i libri stanno conquistando le città e i piccoli centri, le regioni, le province e i comuni, le scuole e le biblioteche, le librerie e i circoli dei lettori, gli ospedali e le carceri, le piazze e i parchi, i supermercati e i treni, le radio e i social network. Intercettando anche quelle persone che di solito non leggono e diffondendo quegli slogan che rappresentano anche lo spirito dell’intera iniziativa: la lettura come piacere la lettura come crescita.

Sebbene ancora a metà del suo percorso, per Il Maggio dei libri quella del 2012 si sta profilando come un’edizione da record. Gli eventi registrati hanno superato quota 2000 e non si tratta ancora del risultato definitivo. Fra le regioni più vivaci si segnalano la Lombardia, il Lazio e la Campania, con oltre 200 eventi, seguite a ruota da Veneto e Sicilia. Tra le province, Roma, Milano e Napoli. Anche sul fronte di Internet e dei social network, il rinnovato impegno degli organizzatori ha dato i suoi frutti: la pagina Facebook ufficiale ha collezionato al momento oltre 21000 “mi piace” e 12 milioni di visualizzazioni. Le dimensioni dell’iniziativa non sono passate inosservate anche tra i media: circa 400 articoli sulla carta stampata e sul web hanno parlato della campagna, numerose emittenti radiofoniche e testate su carta e web hanno contribuito con spazi pubblicitari e la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha messo a disposizione i propri spazi RAI per promuovere la lettura.

Il Maggio dei libri prosegue fino al 23 maggio, giornata conclusiva che – in concomitanza con la Festa del libro – sarà caratterizzata da manifestazioni a tema letterario organizzate in tutta Italia: dalla “caccia al libro” promossa dall’Associazione Librai Italiani alla premiazione di è-book (concorso per studenti universitari, invitati a coniare lo slogan di una collana di e-book), agli incontri, i laboratori e le sorprese per i lettori più piccoli del contenitore Amo chi legge.

Non c’è regione che non venga coinvolta e contagiata dall’influenza del libro e della lettura. Il Maggio dei libri è ovunque e spesso si presenta anche in modi (e luoghi) non convenzionali. Se a Milano si parla di ragazze post-moderne con la presentazione del nuovo libro di Valentina Camerini, a Statte (in provincia di Taranto) si compie una ricognizione sui luoghi dell’anima assieme a Maurizio Maggiani. Se a Napoli si ascoltano le poesie e i racconti in lingua straniera scritti dai ragazzi del liceo scientifico Leon Battista Alberti, a Siracusa si assiste alla performance teatrale “su Sicilia, siciliani e sicilianità” allestita dagli studenti dell’istituto Vittorini. Se a Bassano del Grappa si parla degli effetti della biblioterapia, a Perugia si organizzano letture su quelli dello zafferano. Se a Castel di Sangro (L’Aquila) si espongono opere di Gianni Rodari a Rovereto (Trento) si aprono le porte dell’antica stamperia nel Palazzo Annona. Se a Bologna si porta la poesia nell’orto botanico universitario, a Firenze si ospitano prodotti agricoli negli spazi di una biblioteca, mentre in tutta la Toscana, nei supermercati e ipermercati, si svolgono gli incontri promossi da UniCoop Tirreno. Dal Nord al Sud Italia, tutta la penisola è coinvolta in questa intrepida iniziativa dedicata alla carta stampata e a uno dei più frugali piaceri che esistano. Tutti sono quindi invitati ad aggiornarsi costantemente con la pagina dedicata agli appuntamenti in programma sul relativo portale.

Inserito in: In libreria
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento