Eresia del cuore, di Fabrizio Bregoli

Eresia del cuore

Qual è il senso dell’uomo oggigiorno, quali le regole del nostro rapportarci con noi stessi, gli altri e il nostro intorno? Questa sembra essere una tra le tante domande che si pone Fabrizio Bregoli nelle poesie raccolte in “Eresia del cuore”, un volume pubblicato dallo stesso autore alla fine del 2012. Il richiamo alla natura è l’unico filo conduttore costante che si snoda tra i versi e dà loro fondamento in una ricerca di risposte continua ma placida, condotta senza affanni. Ironico come l’impressione di questo mondo poetico assuma un suono preciso attraverso le parole, una cantilena propria ma, nello scorrere delle pagine, paia trasformarsi in veicolo piuttosto di un solitario silenzio, di una serena osservazione e riflessione sul mondo, i luoghi, le persone che si amano o che ci stanno vicino. Così la comunicazione di Bregoli diventa un dialogo interno, un flusso di pensieri che sembra appartenerci con i palpiti e le emozioni che porta con sé.

Sfilano di fronte allo sguardo i “bagliori cimiteriali d’uffici”,”un’inattesa scia di barca all’imbrunire “ o “lo stagno gracchiante nella nebbia”; sfilano di fronte allo sguardo tutti i non luoghi della poesia, tutte quelle immagini dai colori tenui che si sommano a ciascuna lettera per comporre una mappa del sentire.

Quello di Bregoli è un viaggio intenso e coinvolgente fino alla fine.

Ti lascio il sospetto dell’incrinatura nel mondo
l’istante che tutto arresta
nell’immobile fissità dell’eterno
un abbaglio e poi il nulla.

Tratto da “Presagi”

Autore: Fabrizio Bregoli

Titolo: Eresia del cuore

Pagine: 88

Prezzo: Si trova a 9,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento