Caro Signor F., una strana corrispondenza

Protagoniste di Caro signor F. (Camelozampa), scritto da Alice Keller e illustrato da Veronica Truttero, sono due amiche e coinquiline agli opposti: Elvira e Concetta.

Elvira ama la tranquillità e la sicurezza del paesino di montagna e della casetta storta in via del Dirupo che condivide con Concetta. Concetta sogna avventure piratesche e velieri nel mezzo del mare, anche se di fatto il mare, dal vivo, non l’ha mai visto, visto che anche lei è sempre vissuta nel paesino di montagna, con Elvira, nella casetta storta.

Un giorno la vita delle due viene scombussolata da un rumore di catene struscianti in soffitta. Che sia un fantasma?, ipotizza piena di timore Elvira. Insieme ai rumori iniziano però ad arrivare anche strane lettere indirizzate al misterioso Signor F. Chi potrà mai essere questo sconosciuto Signor F.? E perché queste lettere arrivano a quell’indirizzo, dove da sempre abitano solo ed esclusivamente loro due? Si tratta davvero di un fantasma installatosi di soppiatto in soffitta?

Caro Signor F.

Inizia così l’avventura delle due amiche, decise a scoprire l’identità di questo fantomatico Signor F. Questa loro avventura non le porta però soltanto alla risoluzione del mistero: è lo stesso percorso d’indagine a diventare progressivamente per le due protagoniste un viaggio concreto che le conrurrà ben più lontane da casa di quanto si fossero mai avventurate, oltre i confini del loro piccolo paesino. Per loro sarà un’occasione inattesa per oltrepassare anche quei limiti mentali e affettivi che le avevano legate per tanto tempo allo stesso luogo. L’avventura a cui il Signor F. ha dato vita diventa un viaggio interiore che rivelerà qualcosa di prezioso ad entrambe le protagoniste.

Nonostante il forte contrasto tra i diversi caratteri di Elvira e Concetta, nella storia è apprezzabile che le scelte personali dell’una non vadano mai a sovrastare quelle dell’altra. L’autrice non indica un posto sbagliato o una visione unilaterale, ma descrrive caratteri ed esigenze diverse che devono trovare la propria strada e il proprio luogo del cuore.

Dal punto di vista stilistico, il libro ha un ritmo piacevole e simpatico, la scrittura di Alice Keller è divertente e le lettere del Signor F all’inizio di ogni capitolo sono un pretesto ben congegnato per l’intera vicenda, amplificano il mistero dietro questo personaggio e coinvolgono ancor più il lettore.

Le illustrazioni in bianco e nero di Veronica Truttero sono una sintesi perfetta di espressività e umorismo che incalza lo stile dei personaggi e le loro strambe situazioni. Apprezzabile anche la copertina in notturna: è di notte che si muovono i fantasmi della soffitta, ed è sempre di notte che si sogna e si programmano cambiamenti e mete lontane.

Caro Signor F. è sicuramente un libro che ha il pregio di saper appassionare i più piccoli e far divertire i più grandi.

Clyo Parecchini

Clyo Parecchini si occupa di grafica ed illustrazione per applicazioni. Da sempre studia l'Arte in ogni sua forma figurativa: dal cinema d'animazione, al restauro. Ama pensare che le cose belle siano anche profondamente utili, o che le cose utili debbano avere anche un lato puramente artistico. Insomma: ama la "forma" e la "sostanza" in maniera equa ed indissolubile, per questo è affascinata dai testi complessi di Gadda e Joyce come dai libri che si raccontano per immagini. Cosa fa su MeLoLeggo? Recensisce libri illustrati e grafic novel per tutte le età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.