Buoni, bravi, brutti, cattivi… d’Italia, di Isabella Paglia

Buoni, bravi, brutti, cattivi… d’Italia

Festeggiare i 150 dell’unità d’Italia non è solo prerogativa dei più grandi. “Buoni, brabi, brutti, cattivi… d’Italia”, edito da Camelozampa, si propone infatti di far conosce ai più piccoli i più grandi, ovvero i protagonisti della storia di questo Paese. Il progetto, patrocinato dal Ministero dei Beni Culturali, dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Padova e dal Comune di Monselice, si ripropone, tramite testi ed illustrazioni, di dare luce a quei personaggi che hanno reso grande la nostra Italia.

Dante, il bambino protagonista di queste pagine insieme ai suoi amici, guida l’avventura del gruppo di bambini scovando il vecchio baule della nonna, in soffitta. Da lì vengono fuori abiti ed oggetti bizzarri: una camicia rossa, una corona fatta di alloro, cappelli, sandali, merletti… I bambini usano questi oggetti e questi vestiti per travestirsi e incominciare a giocare, riproponendo, come nella storia reale del paese, il tema della prepotenza nel voler sopraffare gli altri. In maniera ironica e divertente si affrontano anche le questioni del ruolo della donna e dell’integrazione.

Il volume, curato nei testi da Isabella Paglia e illustrato da Francesca Cavallaro, risulta piacevole e divertente anche per i più grandi e si dimostra un valido alleato per “l’insegnamento divertente” a favore dei più piccoli.

Stampato su carta certificata FSC (Forest Stewardship Council), il libro proviene da foreste gestite in modo socialmente ed ecologicamente responsabile, rimarcando quindi l’importanza della tutela dell’ambiente.

Autori: Isabella Paglia, Francesca Cavallaro (illustratrice)

Titolo: Buoni, bravi, brutti, cattivi... d'Italia

Pagine: 38

Casa editrice: Camelozampa

Prezzo: 13,00 €

Inserito in: MondoBimbo, Recensioni
Luca Durante

Articolo inserito da:

Luca Durante è giornalista ed esperto di marketing online. Pacato e riflessivo, perde la sua compostezza solo ai concerti dei Bauhaus e a contatto con l'acqua fredda (un po' come i Gremlins dopo la mezzanotte). I primi romanzi che ha letto sono stati quelli di Fante e Bukowski, di cui attende ancora (invano) nuovi lavori, e nutre un amore cieco e smisurato (e parimenti invano) per la Santacroce. Come pianista (e che pianista!) si sente artista nell'anima. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge, recensisce, critica ma, soprattutto, diffonde: sa come focalizzare l'attenzione con le sue semisegrete tecniche di marketing, conosce Facebook meglio di Zuckenberg e GooglePlus meglio di Google.

1 commento su "Buoni, bravi, brutti, cattivi… d’Italia, di Isabella Paglia"

Trackback | Commenti RSS Feed

Inserisci un commento