Applaudire con i piedi, di Anna Rollando

Alphonse de Lamartine diceva che “La musica è la letteratura del cuore, comincia dove finisce il discorso”.

Applaudire con i piedi – Volume I

E con i suoi due volumi Applaudire con i piedi (Graphofeel edizioni), la musicista Anna Rollando ci accompagna a scoprire le stanze di un cuore palpitante, che ha il suo inizio dinnanzi a un pentagramma e a una sala in silenzio.

Difficile ingabbiare i due volumi di Applaudire con i piedi nelle maglie della categorizzazione letteraria: Anna Rolando scrive un’opera in divenire, nella quale il secondo capitolo è la naturale prosecuzione di un sapiente lavorio alla scoperta a tutto tondo della musica classica.

Dal saggio tecnico al libro-curiosità, dai capitoli dedicati all’approfondimento storico agli excursus sulla “vita vera (e curiosa) del musicista”, l’opera di Anna Rollando è una chicca non solo per gli appassionati del genere musicale classico ma anche — e, oserei dire, soprattutto — per coloro che della musica classica non sanno assolutamente nulla, per tutti quelli che fino ad oggi hanno rischiato di cadere tra le braccia di Morfeo al terzo minuto consecutivo del concerto di Capodanno trasmesso dalla Rai, per chi ha sempre snobbato una forma d’arte che mai è riuscito davvero a comprendere.

L’autrice ci guida alla scoperta di un mondo ricco non solo di emozioni e passioni, ma anche di spirito di sacrificio e dedizione.

Applaudire con i piedi – Volume II

Mentre il primo volume è dedicato alla scoperta di una realtà che inconsapevolmente è già attorno a noi (dagli spot pubblicitari alle colonne sonore dei film, dai concerti alle lezioni di musica a scuola), il secondo capitolo del viaggio è improntato maggiormente sul mestiere del musicista, un’avventura meravigliosa (e mai scontata) tra alti e bassi nella lotta per vivere di arte.

Un’opera che riesce nell’arduo intento di unire la divulgazione alla puntualità descrittiva, il coinvolgimento alla chiarezza espositiva.

Applaudire con i piedi è un messaggio d’amore incondizionato, dedicato ad una forma d’arte complessa quanto affascinante, come la vita.

“La vita imita l’arte più di quanto l’arte non imiti la vita.”

Oscar Wilde

Roberta Taverna

Roberta Taverna

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.