Recensione: Vento forte tra i banchi, di Marco Lodoli

Vento forte tra i banchi

Vento forte tra i banchi

“…La scuola deve tornare ad essere un luogo dove pulsano l’intelligenza e la curiosità, non può ridursi a un ospizio di nonni malinconici che provano invano a tenere a bada torme di nipotini urlanti.”  È da questo principio cardine che prende avvio il saggio di Marco Lodoli, “Vento Forte tra i banchi” (Centro Studi Erickson), piccolo volume dedicato alla scuola e, più in generale, agli inesorabili cambiamenti della società nella quale viviamo.

Con brevi e argute riflessioni, l’autore lancia un grido d’amore disperato per la scuola pubblica, che non è ancora morta, non ancora almeno, ma che fa sempre più fatica a tenere il passo con il marketing, con le mode, con il successo immediato ad ogni costo. Perché il mondo oggi va troppo veloce per fermarsi ad un banco, perché la società richiede giovani che trascorrano la domenica al centro commerciale e abbiano le “amicizie giuste”, le sole che permettano di innalzarsi dalla mediocrità e imparare.

E così l’opera di Marco Lodoli diviene resoconto tragicomico di una realtà mutilata, fatta di docenti che fuggono dinnanzi alla fossa dei leoni adolescenti, aspirazioni giovanili a misura di fiction, analfabetismo crescente e richieste di carta igienica che il Ministero non fornisce più.

Esiste una salvezza? Forse sì, forse oltre la nebbia che imperversa fra i banchi è possibile reinstaurare questo incontro-scontro generazionale, a patto che gli insegnanti escano dalla spirale depressiva di lamenti, recriminazioni e nostalgie e gli studenti “si sottraggano alle sirene più facilone, a quella melodia ipnotica che sgorga dalla gola di una sottocultura massacrante.”

Un saggio per tutti che con stile asciutto e immediato dialoga con il lettore fino all’ultima riga; un’indagine minuziosa e attenta da parte dell’autore, che vive la scuola ogni giorno, si confronta con la quotidianità delle aule e lotta per continuare a formare gli adulti del domani e non i consumatori dell’oggi.

Autore: Marco Lodoli

Titolo: Vento forte tra i banchi

Pagine: 104

Casa editrice: Centro Studi Erickson

Prezzo: 9,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Roberta Taverna

Articolo inserito da:

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

1 commento su "Recensione: Vento forte tra i banchi, di Marco Lodoli"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Recensione: Vento forte tra i banchi, di Marco ... | mercoledì 5 febbraio 2014

Inserisci un commento