In libreria: Inquietudine, di William Boyd

Inquietudine

È l’estate del 1976, un’interminabile calda estate in cui l’Inghilterra boccheggia in una calura senza fine. Ruth Gilmartin è giunta in macchina nel minuscolo villaggio di Middle Ashton dove vive sua madre Sally. Tutto sarebbe tediosamente uguale alle innumerevoli volte in cui Ruth è accorsa a casa di Sally col piccolo Jochen al seguito, se sua madre non avesse un comportamento a dir poco bizzarro. Ha cominciato a sbirciare fuori della finestra, verso il bosco di querce, faggi e noci. Poi ha afferrato un raccoglitore di cuoio e le ha detto porgendoglielo: «Vorrei che lo leggessi». Sul contenitore c’era scritto: Storia di Eva Delektorskaja. Bestseller internazionale, Inquietudine ci offre uno dei più formidabili ritratti di donna spia mai apparsi nella letteratura contemporanea: Eva Delektorskaja, affascinante donna russa divenuta per quarant’anni l’irreprensibile Sally Gilmartin nel cuore dimenticato dell’Inghilterra.

«Boyd: un narratore di talento affiancato dalla critica anglosassone a Martin Amis e Ian McEwan».

Livia Manera, Corriere della Sera

L’autore. William Boyd è nato ad Accra, in Ghana, e vive a Londra. È considerato uno dei maggiori scrittori inglesi viventi. Vincitore del Whitbread First Novel Award e del Somerset Maugham Award ha pubblicato con Neri Pozza Ogni cuore umano (2004) e Le nuove confessioni (2007).

Traduttore dall’inglese: Vincenzo Mingiardi.

Inserito in: In libreria, Novità
Redazione

Articolo inserito da:

Scopri di più sulla Redazione di MeLoLeggo.it

Inserisci un commento