Graffi, di Claudia Squitieri

“Cara Diana,

le cose capitano quando meno te lo aspetti e all’improvviso la vita cambia, quando non sei pronta ad affrontare quello che ti riserva.

Ma quando si è pronti? Pronti a cosa, poi?”

Graffi

Graffi

Diana e Serena. Due anime speculari e, al contempo, complementari.

Due bambine prima, due donne poi, accomunate dalla stessa storia: figlie adottate da famiglie napoletane, adolescenti coraggiose alla ricerca del proprio posto nel mondo, ragazze complicate che si destreggiano tra i dolori della vita, i propri demoni e la voglia di rinascere.

Graffi, primo romanzo di Claudia Squitieri (Capponi Editore), è tutto questo, e molto di più.

Perché tra le pagine si cela un mistero narrativo, un velo di Maya che inganna tanto il lettore quanto la vera protagonista della storia, Diana, la cui voce narrante riecheggia dalla carta stampata.

Opera di una sociologa e mediatrice familiare, Graffi risente della formazione accademica di Claudia Squitieri. A metà strada tra un romanzo psicologico e un racconto di vita vissuta, il libro appare talvolta scisso tra i due generi.

Graffi non si può definire “empatico”: non è immediato e il lettore può faticare prima di riuscire ad apprezzare appieno le intenzioni più profonde dell’autrice. Come tuttavia accade a chi intraprende le scalate più impervie, anche questo romanzo al termine della lettura, dopo tutti gli scossoni umorali della protagonista e i passaggi narrativi più duri, si svela al lettore… mostrando un orizzonte caleidoscopico.

“Vai avanti, non tradirti mai, ce la farai anche senza di me. Ti passo il testimone, hai la forza e la capacità per farlo. Ama, vivi, persegui i tuoi obiettivi, non ti arrendere mai. Non piangere per le cose inutili, dedicati a quelle davvero importanti. Mi fido di te. Ti voglio bene. Non dimenticare chi sei, mai.”

Autrice: Claudia Squitieri

Titolo: Graffi

Pagine: 122

Casa editrice: Capponi editore

Prezzo: 15,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Roberta Taverna

Articolo inserito da:

Di giorno Roberta Taverna, dottoressa in giurisprudenza , corre tra un’aula di tribunale e l’altra, mentre la sera si dedica al primo grande amore della sua vita: i libri. Lettrice instancabile, fa scorrere tra le sue dita le pagine di centinaia di libri ogni anno; legge in treno, mentre corre sul tapis roulant in palestra, camminando per strada… Predilige i romanzi contemporanei stranieri, con qualche ciclica capatina tra classici dell’Ottocento. Ha frequentato corsi di giornalismo e di scrittura comico-creativa, ha collaborato con alcune testate locali e ha fatto parte della giuria del concorso letterario Casa Sanremo Writers 2014. Ha creato e coordina il sito letterario Inkbooks. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge molto, cerca di smaltire la pila infinita di volumi che si moltiplicano inspiegabilmente ogni giorno sugli scaffali di casa e recensisce tutto ciò che scopre imperdibile.

Inserisci un commento