AREZZO – È morto lo scrittore Silvano Zoi

Arezzo

AREZZO – È mancato il 30 giugno, all’età di 87 anni, lo scrittore aretino Silvano Zoi. Trascorse la vita insegnando agli altri, pur affermando che “s’impara molto più che s’insegna”, ed esordì come romanziere alla fine degli anni ’60 con “Una donna da sposare” (1970). Da allora non smise più di scrivere, pubblicando l’anno successivo un insieme di racconti, “Date” (Istituto editoriale del Mezzogiorno, Napoli, 1971), e poi i romanzi “La coda nell’acqua” (Nuovi Quaderni, Parma,1972), “Il santo assassino” (Pironti, Napoli, 1979) e “Le donne: controcanto” (Spirali, Milano, 1988).

Silvano Zoi

Silvano Zoi

Il suo impegno e il suo amore per la scrittura lo portarono a ricoprire anche la carica di redattore per due importanti riviste letterarie: “Molloy” e “Metaphorein” e a sviluppare un manuale dedicato a coloro che dell’amore per la parola scritta vogliono farne un mestiere: “Il manuale dello scrittore” (Giubbe rosse, Firenze, 1998), dove affermava che “’Non si può insegnare a scrivere ma si può continuamente imparare!”.

Inserito in: Novità
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento