VENEZUELA – Ricardo Piglia vince la 17esima edizione del Premio Romulo Gallegos

Ricardo Piglia

VENEZUELA – Lo scrittore argentino Ricardo Piglia vince quest’anno la 17esima edizione del Premio Rómulo Gallegos, uno dei più prestigiosi riconoscimenti in lingua spagnola, istituito nel 1964 per volere dell’allora presidente del paese Raúl Leoni in onore dell’ex Presidente della Repubblica e scrittore Rómulo Gallegos.

La prima edizione del Premio si concluse nel 1967 e andò a premiare niente po’ po’ di meno che Mario Vargas Llosa con “La casa verde”; cinque anni dopo fu la volta di Gabriel García Márquez con “Cent’anni di solitudine”. Da allora il Ministerio del Poder Popular para la Cultura del Venezuela, attraverso la Fundación Centro de Estudios Latinoamericanos Rómulo Gallegos, ha continuato a insignire dello stesso premio altri importanti nomi della letteratura, dal 1987 con cadenza biennale.

Il romanzo vincitore di quest’anno è “Blanco Nocturno”, in Italia tradotto da Pino Cacucci per Feltrinelli e intitolato “Bersaglio notturno”. Ricardo Piglia è stato scelto “per il suo grande talento nell’ambientare la trama in un mondo preciso, per l’osservazione rigorosa di fatti e personaggi, la nitidezza della lingua, la capacità letteraria che gli permette di catturare il lettore pur mantenendo la tensione del racconto”, ha spiegato la scrittrice Carmen Boullosa, membro della giuria.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 2 agosto, giorno della nascita di Rómulo Gallegos.

 

Inserito in: Novità
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

1 commento su "VENEZUELA – Ricardo Piglia vince la 17esima edizione del Premio Romulo Gallegos"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Anonimo ha detto:

    “Bersaglio notturno” è un thriller letterario, appassionante e sofisticato, di uno dei più grandi narratori sudamericani contemporanei. I fatti si svolgono nel 1972, nella provincia di Buenos Aires, quella che Piglia chiama la “pampa umida”, un anno prima del ritorno di Perón in Argentina. Tony Durán, un dandy mulatto, nato a Portorico ed educato come un nordamericano nel New Jersey, approda in una piccola cittadina di provincia. Il motivo apparente del suo arrivo è la relazione con Ada e Sofía Belladonna, sorelle gemelle, figlie di una delle più facoltose famiglie del luogo. Durán le ha conosciute ad Atlantic City, dove hanno vissuto un felice ménage à trois, e le ha seguite in Argentina, dove poi viene trovato morto nella sua stanza d’albergo in circostanze misteriose. Incaricato dell’indagine è il vecchio commissario Croce, dotato di un intuito quasi sovrannaturale. Da Buenos Aires arriva anche Emilio Renzi, personaggio ricorrente nei romanzi di Piglia, come inviato speciale di un quotidiano per riferire degli avvenimenti delittuosi della cittadina.
    Ambientato nell’impassibile paesaggio della pianura argentina, Bersaglio notturno è un romanzo giallo ma anche un racconto che intreccia archeologie famigliari, che narra la vita di uno di quei paesini di campagna, isolati da tutto, dove la gente vaneggia per non morire di noia.

Inserisci un commento