L’estate dei fantasmi, di Saundra Mitchell

L’estate dei fantasmi

Saundra Mitchell, sceneggiatrice ed autrice di successo, ci regala questa estate una storia di sicuro effetto dedicata a coloro che amano la suspense: “L’estate di fantasmi” (Giunti editore).   La scrittrice ci porta nelle strade della calda Ondine, in Louisiana, cittadina tranquilla di quelle dove “non accade mai nulla”.

Una sola vicenda, risalente a molti anni prima, smuove ancora i pettegolezzi e i pareri degli abitanti: la scomparsa in circostanze misteriose di un ragazzo del posto, Elijah Landry. Secondo alcuni cittadini il ragazzo sarebbe morto affogato nel lago, per altri invece, sarebbe semplicemente scappato dalla noia che circonda il paese.  Iris e Colette, due inseparabili amiche alle soglie del loro quattordicesimo compleanno, si  apprestano a vivere, sulle pagine di questo volume, la loro ennesima noiosa estate che si rivelerà invece essere quella che più movimenterà la loro vita. I loro giochi, fatti di incantesimi e rituali legati alla stregoneria, finiranno per trasformarsi  in una esperienza terribile legata all’apparizione di un fantasma durante un rituale al cimitero. Lo spirito si rivelerà essere quello del ragazzo scomparso anni prima.

Tutto questo scatenerà una serie di eventi che porteranno le due amiche a creare una vera e propria caccia al fantasma che non smetterà di lasciarle in pace fino alla soluzione del caso: che fine ha fatto il corpo e com’è morto?

Il libro si presenta piacevole, horror ma non abbastanza da spaventare del tutto, e regala anche, con la soluzione del caso, un ottimo finale.

Autrice: Saundra Mitchell

Titolo: L'estate dei fantasmi

Titolo originale: Shadowed Summer

Traduttrice: Elena Reggiani

Pagine: 247

Casa editrice: Giunti editore

Prezzo: 14,50 euro

Inserito in: Recensioni
Luca Durante

Articolo inserito da:

Luca Durante è giornalista ed esperto di marketing online. Pacato e riflessivo, perde la sua compostezza solo ai concerti dei Bauhaus e a contatto con l'acqua fredda (un po' come i Gremlins dopo la mezzanotte). I primi romanzi che ha letto sono stati quelli di Fante e Bukowski, di cui attende ancora (invano) nuovi lavori, e nutre un amore cieco e smisurato (e parimenti invano) per la Santacroce. Come pianista (e che pianista!) si sente artista nell'anima. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge, recensisce, critica ma, soprattutto, diffonde: sa come focalizzare l'attenzione con le sue semisegrete tecniche di marketing, conosce Facebook meglio di Zuckenberg e GooglePlus meglio di Google.

Inserisci un commento