BUENOS AIRES – L’UNESCO elegge la metropoli argentina Capitale Mondiale del Libro 2011

Buenos Aires, Torre di Babele

BUENOS AIRES – L’UNESCO ha scelto la metropoli Argentina come Capitale Mondiale del Libro del 2011.

A commemorazione dell’evento Marta Minujìn, artista concettuale argentina, ha realizzato nella centralissima Plaza San Martin una splendida e suggestiva Torre di Babele dei Libri, ispirandosi al racconto “Biblioteca di Babele” di Jorge Luis Borges del 1941 e ad una sua precedente opera del 1983: il Panteon de Libros, una costruzione che raccoglieva tutte le opere vietate durante il regime dittatoriale.

L’opera, alta circa 25 metri e costituita da più di 30mila libri donati da privati, biblioteche e più di 50 ambasciate, è anche visitabile: 15 persone per volta, gratuitamente, possono salire  lungo la rampa a spirale accompagnate da un sottofondo musicale che ripete la parola “libro” in una moltitudine di lingue diverse.
Il primo e il secondo piano raccolgono i testi provenienti dall’America, il terzo e il quarto quelli giunti dall’Europa, il quinto quelli dall’Africa e il sesto quelli dall’Asia.

Successivamente i libri utilizzati per l’installazione andranno a costituire la prima biblioteca multilingue del mondo, ma l’ultimo giorno in cui l’installazione sarà mantenuta, il 28 giugno, i visitatori saranno invitati a portar via con sé un libro ciascuno.

Inserito in: Novità
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento