Enzo D'Andrea

Archivio degli articoli di: Enzo D'Andrea

Enzo D’Andrea è un geologo che interpone alle attività lavorative la grande passione per la scrittura. Come tale, definendosi senza falsa modestia “Il più grande scrittore al di qua del pianerottolo di casa”, ha scritto molti racconti e due romanzi: “Le Formiche di Piombo” e "L'uomo che vendeva palloncini", di recente pubblicazione. Non ha un genere e uno stile fisso e definito, perché ama svisceratamente molti generi letterari e allo stesso tempo cerca di carpire i segreti dei più grandi scrittori.
Oltre che su MeLoLeggo, scrive di letteratura sul blog @atmosphere.a.warm.place, e si permette anche il lusso di leggere e leggere. Di tutto: dai fumetti (che possiede a migliaia) ai libri (che possiede quasi a migliaia). Difficile trovare qualcosa che non l’abbia colpito nelle cose che legge, così è piacevole discuterne con lui, perché sarà sempre in grado di fornire una sua opinione e, se sarete fortunati, potrebbe anche essere d’accordo con voi. Ama tanto la musica, essendo stato chitarrista e cantante in gruppi rock e attualmente ripiegato in prevalenza sull’ascolto (dei tanti cd che possiede, manco a dirlo, a migliaia). Cosa fa su MeLoLeggo? cerca di fornire qualcosa di differente dalle recensioni classiche, preferendo scrivere in modo da colpire il lettore, per pubblicizzare ad arte ciò che merita di essere diffuso in un Paese in cui troppo spesso si trascura una bellissima possibilità: quella di viaggiare con la mente e tornare ragazzi con un bel libro da sfogliare.

rss feed Facebook

Sito Internet →

Dalla parte opposta, di Valerio Vigliaturo

Dalla parte opposta, di Valerio Vigliaturo

Leggo e scrivo tanto, per cui mi piace affrontare le più svariate esperienze, scoprire (o riscoprire) stili di scrittura, modi di pensare, trame e sviluppi. In tutte le situazioni in cui mi catapulto, però, cerco sempre lo “zoccolo duro”, quel qualcosa che mi lasci dentro un senso, una sorta di soddisfazione. Ho appena finito Dalla […]

La morte di Murat Idrissi, di Tommy Wieringa

La morte di Murat Idrissi, di Tommy Wieringa

La morte di Murat Idrissi è di per sé un titolo che non lascia scampo, che spedisce l’immaginazione direttamente ai grandi drammi psicologici dell’Ottocento. Non c’è molto Ottocento, però, nei protagonisti dell’ultima fatica di Tommy Wieringa, calda voce dell’Olanda tradotta in Italia da Elisabetta Svaluto Moreolo per Iperborea. Ho conosciuto e apprezzato la sua profondità di scrittore, […]

Fulvio Ervas e un’altra avventura dell’ispettore Stucky

Fulvio Ervas e un’altra avventura dell’ispettore Stucky

Torna, ed è un piacere per me dirlo, Stucky, l’ispettore italo-persiano ideato da Fulvio Ervas, in servizio presso la Questura di Treviso. E siamo a otto. Otto puntate di una saga che si arricchisce di elementi umani, di nuove trame e di un sapore sempre più riconoscibile. In fondo, ogni serie letteraria/televisiva che si rispetti […]

Madelief – I grandi, buoni giusto per farci il minestrone

Madelief – I grandi, buoni giusto per farci il minestrone

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di Pippi Calzelunghe. Ecco, come sospettavo. Tutti informati. E allora, proviamo a immaginare una Pippi un po’ più convenzionale dell’originale, trasportiamola nei Paesi Bassi, ma portandoci dietro quel pizzico di fantasia che non dovrebbe mai mancare nel mondo dei bambini. Il risultato? Madelief, il simpatico personaggio […]

Meno male che il tempo era bello, di Florence Thinard

Meno male che il tempo era bello, di Florence Thinard

Chi ama perdersi nelle immensità dei viaggi, specialmente se si viaggia in condizioni a dir poco inconsuete, non può che gradire un libro come Meno male che il tempo era bello. Tutto qui? No, certamente. Bisogna leggerlo per condividere o meno quel che sto scrivendo. Ma di certo non si tratta di un libro che […]

Pepi Mirino e l’invasione dei P.N.G. ostili

Pepi Mirino e l’invasione dei P.N.G. ostili

Più passa il tempo, e più ci accorgiamo di come la vita reale si mescoli sempre più con quella virtuale. E così, riusciamo a visitare mondi lontani nello spazio e nel tempo, vedere cose strane e inimmaginabili senza spostarci di un centimetro da casa nostra. E se la realtà smettesse di essere virtuale e si […]