Charlaine Harris: all’orizzonte la conclusione di True Blood e l’inizio di una nuova saga

Charlaine Harris

Charlaine Harris, l’autrice dalle saga da cui ha preso ispirazione“True Blood”, ha annunciato che la serie che ha per protagonista Sookie Stackhouse non andrà oltre il tredicesimo libro.  Sicuramente non si potrà certo dire che la Harris non sia stata generosamente prolifica, avendo sfornato un libro all’anno dal 2001, ovvero dalla pubblicazione del primo volume “Finché non cala il buio” (edito da Delos Book e Fazi Editore). La serie televisiva non pare preveda l’adattamento di tutti i libri della saga, essendo arrivata solo ora alla quarta stagione – che coincide col quarto libro “Morto per il mondo” (Delos Book).

“Penso sarà una conclusione definitiva. Non torno sulle cose una volta che le ho concluse”, ha affermato la Harris a proposito. “Mi mancheranno i miei personaggi, perché ho vissuto con loro piuttosto a lungo – 12 anni ad oggi. E mi ci vollero due anni per vendere il primo libro. Ma credo che gli scrittori amino lavorare su cose diverse. Almeno per me è così”.

Per gli amanti dell’autrice non c’è comunque da disperarsi: tanta laboriosità della Harris non andrà di certo perduta. Non a caso la scrittrice ha già dichiarato di avere in mente qualcosa di nuovo: la creazione di un romanzo a fumetti in tre volumi. Su questo progetto collaborerà con Christopher Golden. Il titolo sarà “Cementery Girl” e narrerà la storia di una donna che si ritrova in un camposanto senza alcuna memoria della propria vita passata se non un senso di minaccia a incombere su di sé.

Visti gli autori, come potrebbe non essere un successo? Golden ha già lavorato su storie per “Buffy l’Ammazzavampiri” o con Mike Mignola per “Hellboy”.

“Siamo amici e non vedo l’ora di cercare di collaborare con qualcuno e lavorare su un mezzo diverso”, ha dichiarato la Harris alla NBC. L’opera potrebbe già essere disponibile l’anno prossimo.

 

 

Inserito in: Novità
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento