Ti cerco, ti trovo – di Anthony Browne

Ti cerco, ti trovo

Ti cerco, ti trovo

Un volume speciale, Ti cerco, ti trovo, ultimo lavoro di Anthony Browne che la casa editrice Camelozampa ha portato in Italia con la traduzione di Sara Saorin.

Un libro illustrato ricco, importante, che si sviluppa su livelli emozionali diversi con un racconto semplice e lineare che ha per protagonisti due bambini, fratello e sorella, che per non pensare al loro cane, scomparso da qualche giorno, decidono di distrarsi e giocare a nascondino nel bosco.

Un bosco è natura che accoglie, alberi altissimi, profumi e suoni che infondono pace. Ma si trasforma in un luogo molto diverso quando si è bambini e ci si trova lì da soli. Anthony Browne lo sa bene ed è capace, attraverso l’uso dei colori, del tratto e della prospettiva, a infondere nel lettore un’inquietudine crescente e a trasportarlo lì, nel bosco, insieme a Poppy e Cy.

Ti cerco, ti trovo - Antony Browne

Ti cerco, ti trovo – Antony Browne

Un’inquietudine che, tuttavia, credo abbia una lettura diversa in base all’età. Da una parte vi è quella dell’adulto, il cui sguardo è quello della consapevolezza, di chi sa ed è portato a percepire determinati elementi come potenzialmente pericolosi: si vorrebbe essere lì, insieme a Poppy e Cy, per il desiderio in qualche modo di redarguirli, di chiedere loro di evitare determinati rischi, di non perdersi, di stare attenti a non inoltrarsi troppo in là… in ultimo, di proteggerli. Dall’altra lo sguardo bambino, quello del piccolo-umano sperso in mezzo a un ambiente così imperioso, la tensione che si crea nel non ritrovarsi, nel nutrire il dubbio di potersi non rivedere, così come è successo forse con la perdita del proprio cagnolino.

Tante emozioni, tutte insieme, con le immagini a pagina intera che si alternano a riquadri più piccoli. Browne usa il disegno come l’occhio di una cinepresa, dando rilievo a determinati particolari e lasciandone volutamente fuori altri dal campo visivo. I tronchi, le radici, l’intricato gioco dei rami: tutto concorre a comunicare, rendere viva la storia.

A questi livelli per il lettore se ne aggiunge un altro, stavolta di puro gioco: l’autore ha inserito una lunga serie di elementi estranei alla storia – come una giraffa, una mela, un rubinetto, un’anatra e così via – che si mimetizzano tra le macchie di colore, prendono forma tra il fogliame, e sono uno splendido esempio di creatività che va ad impreziosire la lettura.

Ti cerco, ti trovo, come suggerisce il titolo, si conclude con un lieto fine. Nel cambio di colori e di atmosfera, l’autore sembra quasi volerci ricordare una cosa semplice ma determinante: che il modo in cui percepiamo ciò che viviamo è spesso dettato soltanto dalla natura del nostro sguardo sul mondo.

Autore: Anthony Browne

Titolo: Ti cerco, ti trovo

Titolo originale: Hide and Seek

Traduttore: Sara Saorin

Pagine: 36

Casa editrice: Camelozampa

Prezzo: 16,00 euro

Inserito in: Novità, Recensioni
Alice de Carli Enrico

Articolo inserito da:

Alice de Carli Enrico è traduttrice e giornalista freelance. Ha cominciato a leggere romanzi all'età di 8 anni e non ha più smesso. È appassionata di scrittura e lettura, dell'uso corretto della lingua italiana, di viaggi lunghi ed economici, del suono delle parole e di mari in tempesta. Ovunque vada porta sempre un libro con sé, l'unico oggetto in grado di renderla quieta anche nelle più improbabili situazioni. Cosa fa su MeLoLeggo? Scrive recensioni, dirige le pubblicazioni, revisiona racconti e romanzi dando la caccia all'errore con la meticolosità di un cecchino (a volte gli stessi scritti tremano dalla paura). Lavora tanto e consuma poco: necessita solo di una coperta, un divano e ovviamente un libro.

Inserisci un commento