Se Dio Fosse una donna – SuperTex, di Leon De Winter

A volte una giornata racconta tutta una vita e pare non finire mai. Come fosse un’alba eterna, come fosse fatta solo di foschia e silenzio.

Trentasei anni racchiusi in un’unica seduta psicanalitica e una psicanalista che dovrà sciogliere più di un nodo cercando di trovare il capo di quella matassa attorcigliata intorno a quei cento incazzatissimi chili che compongono la figura di Max.

Se dio fosse una donna - SuperTex

Se dio fosse una donna – SuperTex

Se Dio fosse una donna, il romanzo di Leon De Winter (ed. Marcos y Marcos) arrivato da poco nelle librerie, è una sorta di cortometraggio che con vivaci pennellate dipinge un uomo, l’uomo e tanti uomini, il mondo che abita simile a quello di tanti altri, il senso di colpa perenne che nutre e la vita che vive, sopraggiunta attimo dopo attimo senza che quasi se ne rendesse conto.

Quel sabato un divano sgangherato diventa il luogo dove Max, osservando il soffitto, cerca di tirare fuori ciò che non riesce a digerire di se stesso, di portare in superficie quell’enorme buco che ha nel cuore, di far luce sulla figura di suo padre.

Davanti alla psicanalista si mette a nudo reticente, convinto tuttavia, tra sé e sé, che se Dio fosse una donna avrebbe la voce della dottoressa Jensen.

Insieme a lui attraversiamo un giorno e un’alba perenne e distorta, attraverso il bagliore della quale tutto si contorce; abbandoniamo il letto caldo che ospita ancora Maria, bellissima, ancorata alle pieghe del corpo; ci lasciamo alle spalle un telefono e i documenti sbagliati che costeranno il licenziamento della segretaria di sempre; dimentichiamo l’aria pesante che lascia presagire una giornata da cancellare.

La partita di abiti in arrivo da Taiwan è in ritardo e Max, a capo della grande catena di abbigliamento prêt-à-porter SuperTex fondata dal padre, non può permettere si verifichino rallentamenti. Così, in cerca di una soluzione, attraverserà a bordo dell’amata Porsche una città semivuota per sfrecciare fino al margine del destino, trovandosi di fronte una famiglia di ebrei chassidim. Il più giovane tra loro, sfiorato dal lucido muso dell’auto, si contorcerà dal dolore spingendo quella mattina in un baratro infinito fatto di sirene di ambulanza, polizia e un avvocato che sul visto porta ancora i segni del cuscino.

Di cose a posto se ne dovranno rimettere tante, in un percorso da seguire andando a ritroso nel tempo, rimettendo una vita intera nelle mani e negli occhi di una donna in ascolto, raggiungendo gli anfratti dell’infanzia, quando Max brillava nelle sue vesti da studente portando sulle spalle la responsabilità di un futuro tutto costruito su misura da due orgogliosi genitori.

Lui, più sveglio di suo fratello Benjamin, destinato a diventare avvocato per volere di suo padre, che romperà il filo conduttore imposto, che si ribellerà allontanandosi da quella figura maestosa e integerrima, che cercherà il proprio futuro lontano per poi ritrovarsi nell’azienda di famiglia a lavorare proprio al fianco di quel padre ingombrante. Un padre che invece è un uomo cresciuto col peso della guerra, dei campi di sterminio, sfuggito all’inferno e per questo insignito dal mondo e dai figli di un’aura impeccabile che verrà meno davanti alla reale e umanissima fragilità di peccatore che gli varrà l’odio del figlio.

Max che si attorciglierà di sensi di colpa per quella volta che, forbici tra le mani, avrebbe volentieri fatto finire quell’ingombro paterno nella tomba ma quando nella tomba quel padre ci finisce davvero, sente un misto di sollievo e di dolore.

Max che percorrerà quelle strade lontane per ritrovare la strada di casa, per riportare suo padre alla giusta dimensione. Quel padre che ad ogni frase affiancava un proverbio, e tutti insieme quei proverbi ritorneranno a comporre un’unica storia di assoluzione, la storia di Max, finché tutto sembrerà avere un senso quando la voce di quella donna, la voce di Dio, gli dirà: “Lei non ha bisogno di me”.

Sarcastico e sagace, caratterizzato da dialoghi serratissimi e da una narrazione coinvolgente, Se Dio fosse una donna trascina il lettore nella diversità di una cultura senza tempo, rendendo gli uomini simili tra di loro in tutti i vuoti che la vita crea, in tutti i rapporti che si fanno posto nel cuore e sanno far male se non posti nei giusti confini, fino all’arrivo del perdono e, con esso, della riscoperta di sé stessi nelle vesti di semplici esseri umani.

Ritrovandosi, mostrandosi e semplicemente accettandosi così, ognuno riprenderà la sua via, portando con sé un ultimo proverbio:

Se un padre regala qualcosa a un figlio, ridono entrambi, se un figlio regala qualcosa a suo padre, piangono tutti e due.

Autore: Leon De Winter

Titolo: Se Dio fosse una donna - SuperTex

Traduttore: Elisabetta Svaluto Moreolo

Pagine: 272

Casa editrice: Marcos y Marcos

Inserito in: Novità
Stefania Castella

Articolo inserito da:

Mi chiamo Stefania e sono nata a Napoli da padre con occhi trasparenti e madre con lunghissimi capelli biondi e gonnellone hippy. Non so perché ve lo dico, solo perché tutti scriviamo dove nasciamo e nessuno da chi. Sono grafica pubblicitaria e soprattutto mamma a tempo pieno e indeterminato. Scrivo da quando ho imparato, leggo da sempre e ascolto da molto di più. Mi piace leggere e raccontare storie, dare voce. Scrivere è la mia esigenza, la mia necessità. Mi piace raccontare ciò che ho letto cercando di trasmettere l'emozione che ho provato, lasciandovi entrare nel viaggio che ogni scrittore regala. Se questo si chiama recensire, allora recensisco. Cosa fa su MeLoLeggo? Quello che amo fare: immergermi in una storia di carta, con rispetto e onestà, affiancandomi con voi alle pagine e percorrendo lo stesso bellissimo sogno. Ogni scrittore partorisce le sue creature con amore e fatica, quello che possiamo fare è raccogliere la sua storia. Se una storia non piace non si può stroncarla, solo evitare di raccoglierla, no?

Inserisci un commento