Recensione: L’uccello che girava le viti del mondo, di Haruki Murakami

L’uccello che girava le viti del mondo

L’uccello che girava le viti del mondo

L’uccello che girava le viti del mondo (1999, Baldini & Castaldi, traduzione di Giorgio Amitrano) è una delle più famose opere di Haruki Murakami, scrittore giapponese di fama mondiale e considerato uno degli autori migliori tra i suoi contemporanei.

Personaggio principale di questo romanzo è Okada Toru che, seppur disoccupato, conduce a Tokyo una vita tranquilla insieme alla moglie Kumiko. Ad un certo punto cominciano però ad accadere cose particolari: prima di tutto la telefonata di una donna sconosciuta, e poi l’incontro con May e quello con Kano Malta, fino alla scoperta del pozzo nella “casa degli impiccati”. Sono eventi che portano Okada ad interrogarsi sulla propria vita e a farlo calandosi spesso nel pozzo, simbolo della solitudine e del contatto col buio/inconscio.

Tutto quello che succede non è casuale, ma è segnato dalla mano del destino, come l’incontro con Nutmeg e Cinnamon e il loro rapporto col protagonista attraverso una voglia blu e l’uccello-giraviti. L’uccello-giraviti del titolo gira semplicemente le viti del mondo, che ogni giorno torna a funzionare.

Il punto del libro sta qui: trovare un senso perché tutto funzioni.

È un libro intenso, con dei personaggi indimenticabili e un ampio uso delle metafore e del surrealismo, che Murakami utilizza per sottolineare la difficoltà di distinguere ciò che reale da ciò che non lo è.

Come afferma lo stesso Murakami: “bisogna usare l’immaginazione per rompere le catene”, per cercare di recuperare ciò che si è perduto nell’incoscienza del sonno e raggiungere la realtà che era celata ai nostri occhi fino a quel momento.

L’uccello che girava le viti del mondo è uno dei libri più impegnativi, ma anche suggestivi, di Murakami. Non ha la scorrevolezza narrativa di altri suoi romanzi, ma piuttosto fluisce lento, nel tentativo di compiere una riflessione non banale sulla vita. Ci sono l’imprevedibilità del destino e la scelta consapevole, a dimostrazione che la vita è un insieme delle due cose, ma che ciò che scegliamo non è mai casuale.

Autore: Haruki Murakami

Titolo: L'uccello che girava le viti del mondo

Titolo originale: ねじまき鳥クロニクル, Nejimaki-dori kuronikuru

Traduttore: Giorgio Amitrano

Pagine: 740

Casa editrice: Baldini & Castoldi

Prezzo: Tra i libri usati o per le edizioni Einaudi (con traduzione di Antonietta Pastore)

Inserito in: Novità
Elisabetta Narese

Articolo inserito da:

Elisabetta Narese è dottoressa in Global Studies e ha un passato come insegnante di diritti umani in Ucraina. Ascolta molto e parla poco, a meno che l'argomento non le interessi. Ama le avventure, le organizzazioni umanitarie, viaggiare e scoprire cose nuove. Ha sempre la valigia pronta e una destinazione in mente. La prossima? Al momento è a Mosca, poi chissà... Cosa fa su MeLoLeggo? Legge e recensisce, ovviamente. Non ha gusti difficili, ma ammette una certa predilezione per Haruki Murakami, Truman Capote, C.S. Lewis, i saggi incentrati su temi storici e qualsiasi cosa che riguardi il Medio Oriente. Fonti sicure affermano però che la sua libreria ospiti anche l'intera saga di Harry Potter.

Inserisci un commento