Le nebbie di Vraibourg, di Veronica Elisa Conti

Le nebbie di Vraibourg

Le nebbie di Vraibourg, primo romanzo di Veronica Elisa Conti, si presenta come un lavoro appassionato, ben scritto. È ambientato in Normandia, agli inizi del Novecento, e dispiega tra le sue pagine la storia del giovane Etienne Dorin, assunto dal nobile Tancrède Des Essart come istruttore di suo figlio, Dorian.

Con un linguaggio curato e al contempo uno stile moderno, l’autrice guida il lettore in una sempre maggiore empatia con i personaggi del libro, lasciando che ci si ritrovi a vivere la storia dall’interno, in pieno coinvolgimento emotivo con gli accadimenti. La cura che l’autrice ha nel rivelare i suoi personaggi impreziosisce il testo, spiegando di pagina in pagina il carattere psicologico del protagonista, in continua evoluzione, e mostrando frammenti di tutti gli altri personaggi fino a definirne la loro caratterialità in maniera completa ed esaustiva. Ophèlie, Madlein, Thèrése si fanno strada in maniera elegante fra le pagine e costellano lo scritto proponendo tematiche non lontane anche dalla nostra attualità. Inutile rivelare troppo sulla trama, avvincente e coinvolgente, che nell’ambientazione gotica si dispiega fino al finale, inaspettato e sorprendente. Vi basti sapere che questo libro ha vinto il Premio Luigi Malerba e che  ci si può assolutamente fidare delle parole riportare in prima di copertina: “Un romanzo sull’ambiguità che si macchia del sangue della  vendetta; una celebrazione gotica del rancore quando si arma di fine e diabolica astuzia”.

Autrice: Veronica Elisa Conti

Titolo: Le nebbie di Vraibourg

Pagine: 182

Casa editrice: Monte Università Parma Editore, Collana Premio Luigi Malerba

Prezzo: 15,00 euro

Inserito in: Recensioni
Luca Durante

Articolo inserito da:

Luca Durante è giornalista ed esperto di marketing online. Pacato e riflessivo, perde la sua compostezza solo ai concerti dei Bauhaus e a contatto con l'acqua fredda (un po' come i Gremlins dopo la mezzanotte). I primi romanzi che ha letto sono stati quelli di Fante e Bukowski, di cui attende ancora (invano) nuovi lavori, e nutre un amore cieco e smisurato (e parimenti invano) per la Santacroce. Come pianista (e che pianista!) si sente artista nell'anima. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge, recensisce, critica ma, soprattutto, diffonde: sa come focalizzare l'attenzione con le sue semisegrete tecniche di marketing, conosce Facebook meglio di Zuckenberg e GooglePlus meglio di Google.

2 commenti su "Le nebbie di Vraibourg, di Veronica Elisa Conti"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. Veronica Elisa Conti ha detto:

    Vi ringrazio per la bellissima recensione!

Inserisci un commento