Diecipercento e la gran signora dei tonti, di Antonella Di Martino

Diecipercento e la gran signora dei tonti

Edito da Autodafé Edizioni, Diecipercento e la gran signora dei tonti è uno di quei libri che porta il lettore a riflettere sui grandi temi e valori della vita, della morte e dei sentimenti.

Dalla penna di Antonella Di Martino nasce la figura di Gianni, soprannominato Diecipercento, ma solo Dieci per amici stretti e familiari. È un politico morto, forse per suicidio o forse per morte accidentale: mentre era a caccia col suo cane, un colpo di fucile lo ha stroncato. Al suo funerale è presente anche la gran signora dei tonti, ovvero Margherita, sua nipote. Questa, non credendo all’ipotesi di un suicidio, torna in incognito per indagare sulla morte dello zio. Diecipercento è presente al suo funerale, la sua anima si rifiuta di mollare il mondo dei vivi. Durante la cerimonia riconosce proprio Margherita, decidendo di seguirla per scoprire anch’egli l’identità del proprio assassino. È questa una maniera, per lui, di poter rivivere la propria vita attraverso la ragazza, facendo affiorare ricordi e rimettendo in discussione tutto il suo trascorso, ma l’indagine porterà anche Margherita, parimenti, a rivedere e a ripercorrere le scelte che hanno condizionato la sua vita.

L’indagine quindi diventa gradualmente un terreno di esplorazione dei diversi modi e valori che hanno guidato i due protagonisti nel loro percorso di crescita nel mondo, così come di ciò che in realtà li lega profondamente: l’estrema praticità e il pragmatismo di Dieci, che di molto sembra discostarsi dalla fiducia nell’amore e nella sincerità di Margherita, hanno comunque radici in un unico retaggio familiare.

Il romanzo si trasforma per il lettore in uno spunto di riflessione sul senso della vita e sulla necessità che a volte si presenta di riprendere le fila del proprio trascorso per comprendersi meglio e, in questo modo, trovare un giusto equilibrio nel proprio presente e la tanto ambita serenità per il futuro.

Con una scrittura semplice e scorrevole, Antonella Di Martino riesce a descrivere non solo la complessità della vita, ma anche l’intricato mondo che è proprio di ciascun essere umano, tra contraddizioni, paure e speranze, finendo per coinvolgere il lettore senza mezze misure.

 

Autrice: Antonella Di Martino

Titolo: Diecipercento e la gran signora dei tonti

Pagine: 124

Casa editrice: Autodafé edizioni

Prezzo: 13 euro

Inserito in: Recensioni
Luca Durante

Articolo inserito da:

Luca Durante è giornalista ed esperto di marketing online. Pacato e riflessivo, perde la sua compostezza solo ai concerti dei Bauhaus e a contatto con l'acqua fredda (un po' come i Gremlins dopo la mezzanotte). I primi romanzi che ha letto sono stati quelli di Fante e Bukowski, di cui attende ancora (invano) nuovi lavori, e nutre un amore cieco e smisurato (e parimenti invano) per la Santacroce. Come pianista (e che pianista!) si sente artista nell'anima. Cosa fa su MeLoLeggo? Legge, recensisce, critica ma, soprattutto, diffonde: sa come focalizzare l'attenzione con le sue semisegrete tecniche di marketing, conosce Facebook meglio di Zuckenberg e GooglePlus meglio di Google.

2 commenti su "Diecipercento e la gran signora dei tonti, di Antonella Di Martino"

Trackback | Commenti RSS Feed

Link in entrata

  1. Di Martino Antonella – Autodafe Edizioni | giovedì 11 agosto 2016
  2. Antonella Di Martino – Autodafé Edizioni | venerdì 12 agosto 2016

Inserisci un commento